• Principale
  • Notizia
  • I guadagni delle iscrizioni universitarie femminili lasciano indietro gli uomini

I guadagni delle iscrizioni universitarie femminili lasciano indietro gli uomini

Iscrizione allAnche se i tassi di iscrizione al college tra i giovani sono aumentati negli ultimi decenni, un'analisi del Pew Research Center dei dati dell'Ufficio censimento degli Stati Uniti mostra che le femmine superano i maschi nelle iscrizioni al college, specialmente tra ispanici e neri.


Nel 1994, il 63% delle neolaureate di sesso femminile e il 61% dei neolaureati di sesso maschile erano iscritti all'università nell'autunno successivo al diploma. Entro il 2012, la percentuale di giovani donne iscritte al college subito dopo il liceo era aumentata al 71%, ma è rimasta invariata per i giovani uomini al 61%.

Un modello simile si osserva tra i giovani ispanici. Nel 1994, tra gli ispanici che hanno completato il liceo, circa la metà degli uomini e delle donne si è immediatamente iscritta al college. Quasi due decenni dopo, le iscrizioni all'università per entrambi i gruppi sono migliorate, ma le donne hanno superato gli uomini di 13 punti percentuali.

Per i diplomati neri delle scuole superiori, c'è una storia diversa. Nel 1994, i giovani uomini di colore avevano più probabilità delle giovani donne di colore di essere iscritti al college subito dopo il liceo. Nel 2012, il modello si è invertito: la quota di giovani uomini neri iscritti al college è rimasta stagnante, mentre la quota di giovani donne nere iscritte al college è aumentata al 69%, con un divario di 12 punti percentuali rispetto agli uomini neri.

Vale la pena notare che lo sfondo di questi cambiamenti è il cambiamento demografico della popolazione studentesca delle scuole pubbliche della nazione. Nel 2012, il 25% di tutti gli studenti delle scuole pubbliche erano ispanici mentre il 16% erano neri, l'8% asiatici americani o nativi americani e il 51% bianchi. In confronto, nel 1994, gli ispanici costituivano il 14% degli studenti delle scuole pubbliche, i neri il 17%, gli asiatici americani e i nativi americani il 4% e i bianchi il 65%, evidenziando il crescente impatto degli studenti non bianchi della nazione.


Molti studiosi hanno offerto ragioni per il crescente divario di genere nel livello di istruzione. Alcuni hanno indicato fattori economici: poiché le barriere del mercato del lavoro per le donne sono state abbassate, i benefici di un'istruzione universitaria sono aumentati più per le donne che per gli uomini. Altri dicono che la maggiore incidenza di problemi comportamentali e disciplinari scolastici tra i ragazzi potrebbe essere un fattore. Citando alcuni di questi risultati, la scorsa settimana il presidente Obama ha annunciato una nuova iniziativa, chiamata My Brother’s Keeper, che mira a responsabilizzare i giovani uomini neri e giovani ispanici, concentrandosi sul miglioramento del livello di istruzione e delle prospettive occupazionali riducendo il coinvolgimento nella criminalità.



Anche così, il crescente divario di genere nelle iscrizioni all'università non è limitato ai giovani ispanici e neri. Nel 1994, tra i diplomati delle scuole superiori, il 62% dei giovani uomini bianchi e il 66% delle giovani donne bianche erano iscritti all'università subito dopo la laurea: un divario di genere di quattro punti percentuali. Nel 2012, tale divario era cresciuto fino a 10 punti percentuali poiché la quota di giovani donne bianche iscritte all'università è aumentata al 72%, mentre il tasso per gli uomini è rimasto lo stesso.


Tra gli asiatici americani, c'è stato un cambiamento meno drammatico. Tra questi, la quota di diplomati delle scuole superiori che vanno all'università subito dopo la laurea è cresciuta durante questo periodo sia per i giovani uomini che per le giovani donne, ma il divario è molto inferiore a quello tra gli altri gruppi.