• Principale
  • Notizia
  • Chi è il capo? Negli affari statunitensi, sono principalmente uomini

Chi è il capo? Negli affari statunitensi, sono principalmente uomini

WomenCEOQuando il mese prossimo Mary Barra assumerà la carica di CEO di General Motors, la casa automobilistica diventerà la più grande azienda della nazione gestita da una donna (in base ai 152,3 miliardi di dollari di entrate di GM l'anno scorso). Ma l'ascesa di Barra non cambierà molto la rappresentanza complessiva delle donne negli uffici d'angolo delle aziende americane.


Attualmente, 45 aziende Fortune 1000 hanno donne come amministratori delegati. Ci saranno 46 donne CEO in quel gruppo d'élite a partire da gennaio, quando Barra prenderà le redini di GM, Jacqueline Hinman diventerà CEO del gigante dell'ingegneria CH2M Hill e Linda Lang dovrebbe dimettersi dalla carica di capo di Jack in the Box.

Ciò rappresenterebbe un massimo storico, secondo i dati raccolti dalla società di ricerca senza scopo di lucro Catalyst. Un decennio fa, solo 16 aziende nell'elenco di Fortune avevano CEO donne. Tuttavia, questo è meno del 5% dei posti di lavoro migliori nelle principali società americane.

Il quadro non è molto diverso altrove nella suite dirigenziale o nella sala del consiglio: le donne hanno ricoperto il 14,6% delle posizioni dirigenziali senior e il 16,9% delle cariche di amministratore nelle società Fortune 500 di quest'anno, secondo Catalyst. Questi numeri sono sostanzialmente invariati rispetto al 14,3% e al 16,6% dello scorso anno, rispettivamente.

A livello nazionale, il 10% delle donne si descrive come il capo o il top manager sul posto di lavoro, contro il 16% degli uomini, secondo un nuovo rapporto del Pew Research Center sul genere e sul posto di lavoro. Secondo il sondaggio, solo il 38% delle donne che non sono già il capo afferma che vorrebbe diventare un giorno, contro il 52% degli uomini.


Il desiderio espresso dalle donne per il primo posto variava notevolmente in base all'età e alla razza, anche se tra tutti i sottogruppi le donne erano meno propense degli uomini a dirlo. Solo il 29% delle donne bianche ha dichiarato che un giorno vorrebbe essere un capo o un top manager, contro il 53% delle donne nere e il 51% delle donne ispaniche. E il 61% delle donne Millennial (di età compresa tra 18 e 32 anni) ha affermato di voler diventare un capo un giorno, rispetto al 41% delle donne della Gen-X (dai 33 ai 48 anni) e al 21% delle donne Baby Boomer (dai 49 ai 67 anni).