Chi fa quel vudù ad Harvard?

di Richard Morin


Fare vudù ad Harvard

Nel calderone fai bollire e infornare; / Occhio di tritone e punta di rana, / Lana di pipistrello e lingua di cane, / Forchetta di vipera e puntura di verme cieco, / Zampa di lucertola e ala di ululato / Per un fascino di potente guaio…

- Seconda strega di ShakespeareMacbeth, Atto IV, scena 1

Dimentica l'occhio di tritone, il calderone e, del resto, le streghe. Un team di psicologi ha una nuova ricetta per evocare una maledizione: prendi diverse dozzine di uomini e donne in età da college, una finta bambola Voodoo e un uomo odioso che indossa una maglietta 'Le persone stupide non dovrebbero riprodursi'. Mescolali insieme in un laboratorio dell'Università di Harvard, e all'improvviso questi giovani credono che potrebbero aver lanciato una maledizione Voodoo e dato un mal di testa all'uomo sgradevole.

La psicologa Emily Pronin della Princeton University ei suoi colleghi stavano testando il cosiddetto 'pensiero magico' - la convinzione che possiamo influenzare gli eventi se ci pensiamo bene in anticipo. Pronin ha reclutato 36 studenti che frequentavano la scuola estiva di Harvard insieme ad altri giovani dell'area di Cambridge. I partecipanti sono venuti individualmente al laboratorio e gli è stato detto di aspettare. Nella sala d'attesa c'era anche un uomo di 22 anni che lavorava segretamente con i ricercatori.


Ogni soggetto del test e il complice sono stati introdotti nel laboratorio e seduti a un tavolo di fronte a una bambola Voodoo fatta a mano con ramoscelli e stoffa. (In effetti, le bambole non sono usate nel Voodoo haitiano ma 'sono state usate qui per conformarsi alle aspettative dei partecipanti sulla pratica Voodoo'). Per il background, lo sperimentatore ha detto alla coppia che sarebbero stati partner in uno studio sui 'sintomi di salute fisica che derivano da fattori psicologici ... nel contesto del Voodoo haitiano. '”Entrambi i partner hanno ricevuto da leggere un articolo accademico sulle morti vudù.



C'era un'altra svolta. Il confederato si è vestito e si è comportato normalmente con metà dei partecipanti - e molto male con l'altra metà. È arrivato tardi indossando l'odiosa maglietta e ha borbottato: 'Qual è il problema?' quando lo sperimentatore ha detto che cominciava a preoccuparsi. Lanciò una copia in più di un modulo di consenso verso il bidone della spazzatura, ma lo mancò e lo lasciò sul pavimento. E mentre leggevano l'articolo sulla morte voodoo, 'ha ruotato lentamente la penna sul tavolo, facendo un rumore abbastanza evidente da essere stridente', hanno scritto Pronin e i suoi colleghi nelGiornale di personalità e psicologia sociale.


Il partecipante al test è stato quindi assegnato a interpretare lo 'stregone'. Il complice era la 'vittima' e scrisse il suo nome su un foglietto di carta attaccato alla bambola voodoo. Allo stregone e alla vittima appena coniati è stato quindi chiesto se avevano uno dei 26 sintomi fisici, tra cui naso che cola, dolori muscolari e mal di testa. Con lo stregone in ascolto, la vittima ha confermato oralmente di non avere sintomi.

Lo stregone è stato quindi lasciato solo e istruito a pensare 'pensieri concreti' sulla vittima. I ricercatori presumevano che quei partecipanti esposti al confederato nella sua veste offensiva avessero maggiori probabilità di nutrire 'cattivi pensieri' sulla loro vittima, un'ipotesi che è stata successivamente confermata quando hanno chiesto loro se avevano pensato male al loro partner maleducato. Quando la vittima è stata riportata nella stanza, lo stregone, agendo di nuovo su istruzioni, ha infilato cinque spilli nella bambola Voodoo. Alla vittima è stato nuovamente chiesto se avesse qualche disturbo. Questa volta si è lamentato di avere mal di testa.


Gli stregoni partecipanti sono stati scortati fuori dalla stanza e hanno completato un questionario chiedendo se si sentissero responsabili per il mal di testa della vittima, se credessero di aver effettivamente causato loro del male e se avessero effettivamente causato il mal di testa. 'I partecipanti hanno portato a generare pensieri malvagi sulla loro vittima erano più propensi dei partecipanti neutrali a credere di aver causato il suo mal di testa', hanno riferito i ricercatori.

In effetti, i soggetti del test che avevano pensato cose cattive sulla vittima inquietante avevano, in media, il doppio delle probabilità di sentirsi almeno parzialmente responsabili del mal di testa rispetto a quelli che avevano pensieri neutri, hanno scoperto. 'Questi sentimenti di responsabilità erano evidenti su ciascuno dei singoli elementi nel composito', hanno riferito, indicando che i partecipanti malvagi avevano maggiori probabilità di sentire di aver causato i sintomi, che la loro pratica del Voodoo causava il mal di testa e che avevano cercato di fare del male alla vittima.

Inoltre, questi falsi stregoni non si sentivano in colpa per quello che pensavano di aver fatto. 'Forse i partecipanti vedevano il mal di testa della vittima come una giusta ricompensa per il suo comportamento spiacevole', hanno scritto.

Insicurezza sociale

Il calo dei tassi di matrimonio significa che milioni di donne, in particolare le donne afroamericane, probabilmente dovranno affrontare tempi duri finanziari in vecchiaia perché non riescono a qualificarsi per i benefici del coniuge e della vedova della previdenza sociale.


'A partire dal 2022, quando le donne nate negli anni '60 iniziano a raggiungere i 62 anni, prevediamo che l'82% delle donne bianche, l'85% delle donne ispaniche e solo il 50% delle donne nere avranno diritto ai benefici per coniugi e vedove' quando raggiungono l'età della pensione, ha scritto la sociologa Madonna Harrington Meyer della Syracuse University e i suoi colleghi in un nuovo documento di lavoro pubblicato dal Syracuse Center for Policy Research.

Molte di queste donne avranno diritto ai sussidi per lavoratori in pensione ai sensi della previdenza sociale, ma tali benefici potrebbero non essere grandi quanto i benefici che avrebbero ricevuto come coniugi e vedove, se avessero avuto diritto.

Chi l'avrebbe mai detto?

Organisti ecclesiastici, Primogeniti e Gradi stagionali

'Organisti della Chiesa: analizzare la loro disponibilità a suonare'di Don J. Webber e Martin Freke.Il Journal of Socio-EconomicsVol. 35. Gli economisti britannici intervistano gli organisti della chiesa e scoprono che la loro disponibilità a suonare ha più a che fare con le dimensioni del coro della chiesa e la qualità dello strumento che con quanto sono stati pagati.

'Tempo di qualità: l'effetto dell'ordine di nascita'di Joseph Price. Documento presentato al meeting annuale 2006 della Society of Labor Economists. Un ricercatore della Cornell University ha scoperto che i genitori trascorrono più di 20 minuti al giorno a leggere o giocare con i primogeniti che con un secondogenito di età simile.

'Il mio bambino non ha un cattivo odore come il tuo: la plasticità del disgusto'di Trevor I. Case et al.Evoluzione e comportamento umanoVol. 27. Gli psicologi australiani e statunitensi scoprono che le madri di neonati credono che i pannolini sporchi del proprio bambino abbiano un odore migliore di quelli del bambino di qualcun altro.

'La stagione della nascita contribuisce alla variazione dei risultati degli esami universitari'di Martin Fieder et al.Giornale americano di biologia umana, Vol. 18 n. 5. Il gruppo di ricerca dell'Università di Vienna scopre che le studentesse universitarie nate in primavera e in estate ottengono voti migliori di quelle nate in autunno e in inverno, mentre gli studenti maschi nati in primavera ricevono voti peggiori rispetto a quelli nati in altre stagioni dell'anno .