• Principale
  • Notizia
  • Reazione di Twitter agli eventi spesso in contrasto con l'opinione pubblica generale

Reazione di Twitter agli eventi spesso in contrasto con l'opinione pubblica generale

La reazione su Twitter ai principali eventi politici e alle decisioni politiche spesso differisce notevolmente dall'opinione pubblica misurata dai sondaggi. Questa è la conclusione di uno studio del Pew Research Center della durata di un anno che ha confrontato i risultati dei sondaggi nazionali con il tono dei tweet in risposta a otto importanti eventi di notizie, tra cui l'esito delle elezioni presidenziali, il primo dibattito presidenziale e i principali discorsi di Barack Obama.


A volte la conversazione su Twitter è più liberale delle risposte ai sondaggi, mentre altre volte è più conservativa. Spesso è la negatività generale che spicca. Gran parte della differenza potrebbe avere a che fare sia con la ristretta fetta del pubblico rappresentato su Twitter, sia con chi tra quella fetta ha scelto di prendere parte a una qualsiasi conversazione.

Una reazione Twitter più liberale ad alcuni eventi

In alcuni casi, la reazione di Twitter è stata più pro-democratica o liberale rispetto all'equilibrio dell'opinione pubblica. Ad esempio, quando un tribunale federale lo scorso febbraio ha stabilito che una legge della California che vieta il matrimonio tra persone dello stesso sesso era incostituzionale - un caso che ora sta arrivando davanti alla Corte Suprema - la reazione su Twitter è stata piuttosto positiva. Le conversazioni su Twitter sulla sentenza sono state molto più positive che negative (46% contro 8%). Ma l'opinione pubblica, misurata in un sondaggio nazionale, è andata nella direzione opposta: di coloro che avevano sentito parlare della sentenza, solo il 33% era molto contento o soddisfatto, mentre il 44% era deluso o arrabbiato.

E questo era evidente anche quando si trattava della campagna presidenziale autunnale. Ad esempio, mentre i sondaggi hanno mostrato che la maggior parte degli elettori ha affermato che Mitt Romney ha dato la migliore performance nel primo dibattito presidenziale, la reazione di Twitter è stata molto più critica nei confronti di Romney, secondo un'analisi della reazione dei social media al dibattito.

E quando Obama ha vinto le elezioni il 6 novembre, la conversazione post-elettorale su Twitter è stata molto positiva sulla sua vittoria. L'analisi ha mostrato che la stragrande maggioranza (77%) dei commenti post-elettorali su Twitter sul risultato erano positivi sulla vittoria di Obama, mentre solo il 23% era negativo. Ma un sondaggio tra gli elettori nei giorni successivi alle elezioni ha riscontrato reazioni più contrastanti all'esito elettorale: il 52% si è detto contento della rielezione di Obama mentre il 45% era scontento.


Questa inclinazione alla conversazione su Twitter è stata evidente per tutta la campagna autunnale. Quasi ogni settimana dall'inizio di settembre fino alla prima settimana di novembre, la conversazione su Twitter su Romney è stata sostanzialmente più negativa della conversazione su Obama.



Tuttavia, la negatività complessiva su Twitter nel corso della campagna si è distinta. Per entrambi i candidati, i commenti negativi hanno superato i commenti positivi di un ampio margine durante la stagione della campagna autunnale. Ma da settembre a novembre, Romney è stato costantemente l'obiettivo di reazioni più negative di Obama.


Le reazioni di Twitter non sono sempre più liberali

L'inclinazione pro-democratica o liberale dei tweet non era sempre evidente nei casi di studio del Pew Research Center. La reazione su Twitter al secondo discorso inaugurale di Obama e al suo Stato dell'Unione del 2012 non è stata così positiva come l'opinione pubblica.

Il contrasto è stato particolarmente evidente nelle valutazioni sullo stato dell'Unione dello scorso anno. Il discorso del presidente è stato generalmente ben accolto dal pubblico: il 42% ha dichiarato di avere avuto una reazione positiva mentre il 27% ha avuto una reazione negativa. Su Twitter, invece, la conversazione sul discorso di Obama è stata molto più negativa (40%) che positiva (21%).


Più recentemente, il secondo discorso inaugurale di Obama ha ricevuto valutazioni più positive che negative in un sondaggio nazionale condotto dopo il discorso. Ma la conversazione sul discorso su Twitter si è inclinata più verso le critiche che le lodi.

Degli otto eventi che il Pew Research Center ha monitorato dall'inizio dello scorso anno, ce ne sono stati due - la selezione di Paul Ryan da parte di Mitt Romney come suo vicepresidente in carica e la sentenza della Corte Suprema sull'Affordable Care Act del 2010 - quando la reazione su Twitter l'opinione pubblica parallela.

Quando Mitt Romney ha toccato Ryan come suo compagno di corsa, ha ricevuto una reazione più negativa che positiva sia dal pubblico in generale che nella conversazione su Twitter. E quando la Corte Suprema ha emesso la sua sentenza a favore della legge sull'assistenza sanitaria nel giugno 2012, la reazione del pubblico è stata divisa: un sondaggio nazionale ha rilevato che il 36% approvava e il 40% disapprovava la decisione della Corte. La reazione su Twitter è stata più o meno la stessa: tra coloro che offrono un punto di vista, circa la metà sono stati commenti positivi e la metà sono stati negativi.

Perché Twitter può essere diverso a volte

La mancanza di corrispondenza coerente tra la reazione di Twitter e l'opinione pubblica è in parte un riflesso del fatto che coloro che ricevono notizie su Twitter - e in particolare coloro che twittano notizie - sono demograficamente molto diversi dal pubblico.


La portata complessiva di Twitter è modesta. Nel sondaggio biennale sul consumo di notizie del 2012 del Pew Research Center, solo il 13% degli adulti ha dichiarato di utilizzare Twitter o di leggere messaggi di Twitter; solo il 3% ha dichiarato di twittare o ritwittare regolarmente o qualche volta notizie o titoli di notizie su Twitter.

Gli utenti di Twitter non sono rappresentativi del pubblico. In particolare, gli utenti di Twitter sono notevolmente più giovani del pubblico in generale e hanno maggiori probabilità di essere democratici o inclini al Partito Democratico. Nell'indagine sul consumo di notizie del 2012, la metà (50%) degli adulti che ha dichiarato di aver pubblicato notizie su Twitter aveva meno di 30 anni, rispetto al 23% di tutti gli adulti. E il 57% di coloro che hanno pubblicato notizie su Twitter erano democratici o di orientamento democratico, rispetto al 46% del pubblico in generale. (Un altro recente sondaggio del Pew Research Center fornisce ancora più dettagli su chi utilizza Twitter e altri social media.)

Sotto un altro aspetto, anche il pubblico di Twitter è più ampio del campione di un sondaggio nazionale tradizionale. Le persone di età inferiore ai 18 anni possono partecipare alle conversazioni su Twitter, mentre i sondaggi nazionali sono limitati agli adulti di età pari o superiore a 18 anni. Allo stesso modo, le conversazioni su Twitter possono includere anche coloro che vivono al di fuori degli Stati Uniti.

Forse la cosa più importante, gli utenti di Twitter che scelgono di condividere le loro opinioni sugli eventi variano a seconda degli argomenti nelle notizie. Coloro che hanno twittato sulla sentenza del matrimonio tra persone dello stesso sesso in California probabilmente non erano lo stesso gruppo di coloro che hanno twittato sull'inaugurazione di Obama o sulla selezione di Paul Ryan da parte di Romney.

Questo è chiaro quando guardiamo il volume della discussione su Twitter su ciascuno degli eventi studiati. Nei due giorni successivi alla rielezione di Obama il 6 novembre, c'erano quasi 14 milioni di tweet di persone che hanno espresso la loro reazione. E più di cinque milioni hanno espresso le loro reazioni al primo dibattito presidenziale. Ma altri eventi, in particolare la sentenza del tribunale federale sul matrimonio tra persone dello stesso sesso in California lo scorso febbraio e la nomina di John Kerry da parte di Obama a dicembre, hanno attirato un volume molto inferiore di tweet.

Nel complesso, la reazione agli eventi politici su Twitter riflette una combinazione del profilo unico degli utenti attivi di Twitter e la misura in cui gli eventi coinvolgono comunità diverse e attirano i commenti degli utenti attivi. Sebbene ciò fornisca uno sguardo interessante su come le comunità di interesse rispondono a circostanze diverse, non è correlato in modo affidabile con la reazione generale degli adulti a livello nazionale.