Il potere del voto di protesta

di Andrew Kohut, Presidente, Pew Research Center


Speciale perNew York Times

Non sorprenderti se i candidati alla presidenza del terzo o quarto partito raccolgono abbastanza voti a novembre per fare la differenza in alcuni degli stati altalenanti contestati. I sondaggi mostrano una disaffezione repubblicana più che sufficiente per la candidatura di John McCain per sostenere che Bob Barr, il candidato libertario, o un altro candidato di centro destra potrebbe togliere voti all'alfiere del GOP. E dal lato democratico, Barack Obama deve preoccuparsi delle defezioni non solo dei sostenitori di Hillary Clinton, ma anche dei liberali, che iniziano a lamentarsi che si sta muovendo troppo verso il centro.

figura

Le elezioni presidenziali del 2000 hanno chiaramente dimostrato che i candidati di terze parti non devono accumulare grandi numeri per fare un'enorme differenza. Ralph Nader ha accumulato solo il 2% dei voti in Florida e gli exit poll hanno rilevato che Al Gore era la seconda scelta tra la maggior parte degli elettori di Nader. Mentre gli elettori democratici non sono mai stati selvaggiamente entusiasti di Gore durante quella campagna, il clima di opinione su John McCain è più fragile quest'anno.

Il sondaggio nazionale di Pew Research alla fine di giugno ha rivelato che un numero significativamente inferiore di sostenitori di McCain rispetto ai sostenitori di Obama afferma di essere fortemente impegnato nei confronti del proprio candidato. McCain genera meno impegno di quanto godesse George W. Bush in questa fase nelle sue campagne presidenziali. In effetti, la disparità nel forte sostegno per i due candidati quest'anno è la più grande misurata negli ultimi due decenni. Tra i sostenitori di ciascun candidato, quasi il doppio si descrive come sostenitori di Obama forti rispetto ai sostenitori di McCain (58% contro 34%).


La posizione di McCain è in netto contrasto con il sostegno a Bush di quattro anni fa, quando la stragrande maggioranza degli elettori di Bush (71%) ha dichiarato di sostenerlo con forza. Nel giugno 2000, i sostenitori impegnati di Bush costituivano solo il 44% del suo sostegno, ma questo era significativamente più di quanto McCain ora registra. Devi tornare a Bob Dole nel 1996 per compensare l'attuale mancanza di entusiasmo per John McCain.



Leggi il commento completo su nytimes.com.