• Principale
  • Notizia
  • La decisione dell'Hobby Lobby e il futuro dei diritti alla libertà religiosa

La decisione dell'Hobby Lobby e il futuro dei diritti alla libertà religiosa

I manifestanti si abbracciano mentre reagiscono all

La Corte Suprema oggi ha ampliato la portata dei diritti alla libertà religiosa e ha inferto un duro colpo a parte della revisione dell'assistenza sanitaria dell'amministrazione Obama quando ha stabilito 5-4 che alcune aziende a scopo di lucro hanno diritti religiosi e, di conseguenza, possono rinunciare il mandato di contraccezione della legge. Ma la sentenza, sebbene importante, è limitata perché si applica solo alle imprese più piccole e strettamente controllate e mette in guardia specificamente contro le società che utilizzano pretese di libertà religiosa per discriminare.


I casi - Burwell v. Hobby Lobby Stores e Conestoga Wood Products v. Burwell- derivano da regolamenti derivanti dall'Affordable Care Act (chiamato anche Obamacare) che richiedono a molti datori di lavoro di includere una copertura gratuita per i servizi contraccettivi nei piani di assicurazione sanitaria dei loro dipendenti. Mentre i regolamenti esentano completamente le chiese e forniscono alle organizzazioni non profit religiosamente affiliate, come ospedali e enti di beneficenza, un'alternativa per garantire che i loro dipendenti siano coperti, non si estendono ai datori di lavoro a scopo di lucro.

I proprietari di un certo numero di queste attività hanno citato in giudizio il governo federale, sostenendo che la legge sul ripristino della libertà religiosa del 1993 autorizza loro a esonerare dal mandato sulla base delle loro obiezioni religiose ad alcune forme di contraccezione. RFRA ordina ai tribunali di esentare qualsiasi parte che possa dimostrare che la legge contestata o l'azione del governo grava sostanzialmente sulla sua pratica religiosa, a meno che il governo non dimostri che la legge in questione promuove un interesse statale impellente e che tale interesse non può essere avanzato senza gravare sul diritti religiosi della persona.

Nella sua decisione, l'Alta corte ha concordato con Hobby Lobby e Conestoga, stabilendo che alle società 'strettamente controllate' dovrebbero essere concessi i diritti di libertà religiosa e sono coperte dalla RFRA. La corte ha affermato che, sebbene fosse disposta ad ammettere, per amor di discussione, che il governo federale ha un interesse irresistibile a fornire alle donne contraccezione gratuita, il governo non è riuscito a dimostrare che può promuovere questo interesse solo in un modo che grava sulle aziende 'diritti alla libertà religiosa.

In effetti, ha affermato la corte, il governo potrebbe facilmente accogliere queste e altre attività simili e fornire comunque alle dipendenti di queste aziende contraccezione gratuita semplicemente estendendo alle imprese a scopo di lucro l'alternativa che ha offerto a datori di lavoro non profit affiliati a questioni religiose come ospedali religiosi, scuole. e enti di beneficenza. Questa alternativa consente ai datori di lavoro di rinunciare alla copertura contraccettiva e richiede che gli assicuratori sanitari in questi casi offrano ai dipendenti di sesso femminile la contraccezione gratuita attraverso una polizza separata.


Sebbene la corte abbia consegnato ai sostenitori dell'accoglienza religiosa una grande vittoria, si è anche impegnata a tracciare alcune linee intorno alla decisione. In primo luogo, la maggioranza ha limitato la sentenza a società strettamente partecipate in cui un piccolo gruppo di individui non solo possiede l'entità, ma è profondamente coinvolto nella sua governance e funzionamento. I giudici hanno specificamente affermato che la decisione non si applica alle società di capitali. Inoltre, la maggioranza ha chiarito che questa sentenza non concede ai datori di lavoro la licenza di discriminare nei confronti di gruppi razziali e di altre minoranze nell'occupazione o nella fornitura di beni e servizi.



La decisione dell'Hobby Lobby non rappresenta un cambiamento radicale nella legge sulla libertà religiosa, anche se si applica alle attività a scopo di lucro. Il fatto che la sentenza sia limitata a società strettamente controllate e che la maggioranza metta in guardia specificamente contro il futuro uso delle rivendicazioni di libertà religiosa da parte delle imprese per giustificare la discriminazione, significa che la decisione potrebbe avere un impatto limitato in casi futuri che coinvolgono imprese e questioni di diritti religiosi.


Allo stesso tempo, non è chiaro come questa sentenza possa influenzare una serie di altri casi (che potrebbero pervenire all'Alta corte già nel prossimo anno) che coinvolgono organizzazioni non profit religiosamente affiliate. Queste organizzazioni stanno sfidando il mandato di contraccezione, anche se l'amministrazione Obama ha creato un'alternativa che consente loro di rinunciare a fornire direttamente contraccezione gratuita.

Sebbene il tribunale abbia raccomandato l'uso di questa opzione nel caso di società a scopo di lucro, lo ha fatto senza sapere se Hobby Lobby sarebbe stata soddisfatta utilizzando questa alternativa. Dal momento che le organizzazioni non profit sostengono che i loro diritti alla libertà religiosa sono gravati anche con l'alternativa di opt-out, la decisione odierna non significa necessariamente che i giudici lo troverebbero sufficiente per queste organizzazioni non profit, anche se Hobby Lobby e altre attività possono essere modificate per usarlo.


Un sondaggio di aprile condotto dalla Kaiser Family Foundation ha rilevato che la maggioranza degli americani (55%) ritiene che le aziende a scopo di lucro dovrebbero fornire contraccettivi gratuiti ai propri dipendenti, anche se ciò viola le convinzioni religiose personali dei proprietari di un'azienda. Tra le donne, il sostegno per il controllo delle nascite fornito dal datore di lavoro era leggermente superiore al 61%.