• Principale
  • Notizia
  • La Corte Suprema afferma che gli stati possono vietare l'azione affermativa; 8 lo hanno già fatto

La Corte Suprema afferma che gli stati possono vietare l'azione affermativa; 8 lo hanno già fatto

Azione affermativa 2.2La decisione della Corte Suprema di martedì che conferma il divieto del Michigan di agire in modo positivo riguarda più delle ammissioni all'università e più del solo Michigan. Altri sette stati hanno divieti altrettanto ampi nelle loro costituzioni o libri di statuti, e gli oppositori dell'azione affermativa hanno invitato altri stati e il governo federale a seguire l'esempio.


In una decisione 6-2 segnata da divisioni tra i giudici (tre concomitanze oltre all'opinione sulla pluralità del giudice Kennedy, cui si sono uniti solo altri due giudici), la Corte è stata attenta a sottolineare che non si stava pronunciando su 'la costituzionalità, o la meriti, delle politiche di ammissione consapevoli della razza nell'istruzione superiore '. Piuttosto, la domanda chiave era 'se, e in che modo, gli elettori negli Stati possono scegliere di vietare la considerazione delle preferenze razziali nelle decisioni governative ...'

L'azione affermativa, nel senso di misure attive per migliorare le opportunità di lavoro o di istruzione per i membri di gruppi storicamente svantaggiati, è una conseguenza del movimento per i diritti civili degli anni '60. Nel 1965, il presidente Johnson ha emesso l'ordine esecutivo 11246, che (come modificato) richiede agli appaltatori federali di 'intraprendere un'azione affermativa per garantire che le pari opportunità siano fornite in tutti gli aspetti del loro impiego'. Negli anni successivi, i programmi di azione affermativa divennero comuni anche a livello statale e locale, compresi i college e le università.

Nel 1996, a seguito di anni di polemiche sull'azione affermativa che risale al 1978Vassoiodecisione), la California è diventata il primo stato a emanare un divieto formale sulle preferenze razziali e di altro tipo, quando gli elettori hanno approvato la Proposition 209. Da allora, il Michigan e altri sei stati - Washington, Florida, Nebraska, Arizona, New Hampshire e Oklahoma - hanno adottato simili divieti. La maggior parte di queste misure include un linguaggio simile o identico alla disposizione chiave della Prop 209: che lo stato (inclusi ma non limitati ai college e alle università pubbliche) 'non discriminerà né concederà un trattamento preferenziale a nessun individuo o gruppo sulla base della razza. , sesso, colore, etnia o origine nazionale nel funzionamento del pubblico impiego, dell'istruzione pubblica o degli appalti pubblici '.

Sei dei divieti sono stati adottati dagli elettori (cinque tramite petizioni di iniziativa, uno per deferimento legislativo). L'unico stato in cui un'iniziativa di azione anti-affermativa è fallita al ballottaggio è stato il Colorado, dove gli elettori hanno respinto l'emendamento 46 nel 2008.


A livello nazionale, tuttavia, gli americani sembrano fortemente favorevoli all'azione affermativa, almeno nel campo dell'istruzione superiore. In un sondaggio del Pew Research Center condotto il mese scorso, il 63% delle persone ha affermato che tali programmi volti ad aumentare il numero di studenti neri e di minoranze nei campus universitari erano una buona cosa, contro solo il 30% che li ha definiti cattivi.