• Principale
  • Notizia
  • Studio: le persone religiose sono più propense a rifiutare l'idea che la vita non abbia uno scopo

Studio: le persone religiose sono più propense a rifiutare l'idea che la vita non abbia uno scopo

FT_religion-purpose3Numerosi studi hanno dimostrato che le persone religiose sono più felici nella vita. Ora, un nuovo studio ha scoperto che coloro che credono in Dio senza dubbi hanno maggiori probabilità di essere fortemente in disaccordo con l'idea che la vita non abbia significato.


Stephen Cranney del Population Studies Center presso l'Università della Pennsylvania ha recentemente condotto il primo studio su larga scala che verifica empiricamente l'associazione tra la fede in Dio e il senso di uno scopo nella vita.

FT_religione-felicitàAnche gli intervistati che hanno affermato di credere in Dio senza dubbio sono stati in forte disaccordo (61%) con l'affermazione 'Secondo me, la vita non serve a nessuno scopo'. Coloro che hanno detto di essere certi di non credere in Dio o che hanno espresso più incertezza sulla loro fede erano meno propensi dei forti credenti a rifiutare l'affermazione che la vita non ha uno scopo. (Solo il 49% ha dichiarato di essere fortemente in disaccordo). Non c'erano differenze statisticamente significative tra coloro che erano incerti e coloro che non credevano in Dio.

Guardando i credenti e i non credenti insieme, una grande maggioranza di tutti gli intervistati era fortemente in disaccordo (56%) o in disaccordo (36%) sul fatto che la vita non serve a uno scopo, con solo il 3% che afferma di essere d'accordo o fortemente d'accordo.

Gli ultimi dati sulla felicità e la fede religiosa da un sondaggio del Pew Research Center mostrano che le persone religiose, a conti fatti, sono più felici delle persone non religiose.


Gli adulti che hanno partecipato alle funzioni religiose una volta alla settimana o più spesso avevano una probabilità significativamente maggiore di riferire di sentirsi `` molto felici '' (36%) rispetto a quelli che hanno partecipato raramente o mai (23%) e meno propensi a dire di essere 'abbastanza felici' ( 46% contro il 55%) o 'non troppo felice' (13% contro il 19%). Coloro che frequentano i servizi più di una volta alla settimana sono i più felici, con il 43% che dichiara di essere 'molto felice'.