• Principale
  • Notizia
  • Studio: voto anticipato associato a una minore affluenza alle urne

Studio: voto anticipato associato a una minore affluenza alle urne

I riformatori odiano quando questo accade: secondo un nuovo studio che sarà pubblicato in un prossimo numero dell'American Journal of Political, la riforma più adottata nel paese progettata per rendere più facile il voto potrebbe ridurre le possibilità che un singolo elettore si rechi alle urne. Scienza.


'La riforma più popolare - il voto anticipato - è in realtà associata a una minore affluenza alle urne quando viene attuata da sola', secondo il team di scienziati politici dell'Università del Wisconsin che ha studiato i modelli di voto statale nelle elezioni presidenziali del 2004 e del 2008. 'Questo risultato ribalta l'opinione convenzionale secondo cui tutto ciò che facilita il voto aumenterà l'affluenza alle urne'.

Controllando altri fattori che predicono la probabilità di voto di un individuo, questi ricercatori hanno scoperto che il voto anticipato sembra `` ridurre la probabilità di affluenza di tre o quattro punti percentuali '' rispetto alla probabilità in 15 stati che non consentono il voto anticipato o non l'hanno implementato altre riforme di voto.

Questi stati a voto anticipato includevano alcuni dei più grandi e politicamente importanti, tra cui Ohio, Florida, Texas e New Jersey. (Non includevano Oregon e Washington, due stati di voto per corrispondenza, tra i loro stati a voto anticipato perché 'hanno regole insolite per il voto per corrispondenza'.)

Al contrario, questi ricercatori hanno scoperto che la registrazione per il giorno delle elezioni in cui i cittadini possono registrarsi e votare il giorno delle elezioni sembra aver aumentato la probabilità di voto di circa tre o quattro punti percentuali negli stati che hanno adottato questa riforma.


Le loro affermazioni si basano su un'analisi dettagliata della cronologia dei voti e delle informazioni demografiche di oltre 150.000 persone intervistate nel novembre 2004 o novembre 2008 come parte del Current Population Survey del Census Bureau. I sondaggi includevano una domanda che chiedeva se l'individuo avesse votato.



Per costruire il loro modello di previsione dell'affluenza individuale, hanno esaminato fattori demografici come il livello di istruzione, lo stato civile, l'età e il sesso. Il loro modello includeva anche una misura della competitività della campagna nello stato di ciascun elettore.


I ricercatori hanno anche diviso gli stati in quattro gruppi in base al fatto che gli stati abbiano adottato una di queste riforme: voto anticipato; Registrazione per il giorno delle elezioni; registrazione lo stesso giorno, che consente ai cittadini di registrarsi e votare lo stesso giorno ma prima del giorno delle elezioni; o nessuna di queste riforme. Hanno inoltre identificato gli stati che avevano adottato due o più di questi cambiamenti, inclusi Wisconsin e Iowa, che li hanno implementati tutti e tre.

Utilizzando una tecnica statistica chiamata analisi di regressione, i ricercatori hanno stimato l'impatto di ogni fattore, comprese le riforme di voto in vigore nel suo stato, sulla probabilità di un individuo di aver votato, tutti gli altri fattori sono rimasti costanti.


Hanno scoperto che solo la votazione anticipata quando è implementata da sola e la registrazione per il giorno delle elezioni sembra influire in modo significativo sulle possibilità di affluenza alle urne: la votazione anticipata in modo negativo e la registrazione per il giorno delle elezioni positivamente. Nel 2008, diciotto stati hanno consentito il voto anticipato ma non avevano implementato altre riforme, tra cui Florida, Texas, New Jersey e Indiana. Quattro sono stati classificati solo come giorno delle elezioni, inclusi Minnesota e New Hampshire.

Perché l'affluenza alle urne dovrebbe diminuire quando le persone possono votare in anticipo e perché più persone votano negli stati che consentono alle persone di registrarsi e votare il giorno delle elezioni?

Questi ricercatori dicono che è perché il voto anticipato priva 'il giorno delle elezioni dei suoi effetti stimolanti', riducendo la pressione sociale per votare e dà meno motivi per le campagne per motivare i loro sostenitori e portarli alle urne.

Gli elettori sono meno motivati ​​a votare perché il voto anticipato ha l'effetto di 'dissipare l'energia del giorno delle elezioni per un periodo di tempo più lungo…. (S) la pressione sociale è meno evidente, la guida su come o dove votare è meno utile e la prospettiva di interazioni sociali alle urne è diminuita ', hanno scritto.


Anche le leggi sul voto anticipato sembrano influenzare la campagna stessa riducendo gli sforzi di entrambe le parti per mobilitare il sostegno. Ad esempio, hanno esaminato i modelli di pubblicità sui media negli stati di voto anticipato e senza riforme. 'Il volume degli annunci è inferiore negli stati con votazione anticipata e anche l'aumento degli annunci prima del giorno delle elezioni è meno ripido in questi stati', hanno scoperto.

Riconoscono l'ulteriore convenienza del voto anticipato 'ma questo effetto è più che compensato da una riduzione degli sforzi di mobilitazione, che si traduce in una minore affluenza alle urne'.

Al contrario, la registrazione al giorno delle elezioni 'elimina la necessità di registrarsi prima che la campagna raggiunga la massima intensità e concentra l'attività sociale e politica in un solo giorno. Il giorno delle elezioni è in fermento con discussioni, copertura mediatica e contatti dell'ultimo minuto di partiti e candidati, fattori che possono esercitare un impatto mobilitante su un gruppo più ampio di potenziali elettori negli stati (registrazione per il giorno delle elezioni) ', hanno scritto.

Studi precedenti sull'impatto delle riforme del voto hanno prodotto risultati contrastanti. Uno studio del 2007 ha concluso che il voto anticipato non ha avuto alcun effetto sull'affluenza alle elezioni presidenziali o di medio termine tra il 1980 e il 2004. Un altro gruppo di ricerca ha scoperto che il voto anticipato ha prodotto un aumento di breve durata dell'affluenza che scompare dalla seconda elezione presidenziale dopo l'implementazione della riforma. Studi a Washington e Oregon hanno scoperto che il voto per corrispondenza ha avuto un impatto positivo sulla partecipazione, anche se altri ricercatori hanno stimato che l'affluenza alle urne diminuirebbe in California se quello stato passasse al voto per corrispondenza.

Nota: lo studio è stato condotto dai professori dell'Università del Wisconsin Barry C. Burden, David T. Canon, Kenneth R. Mayer e Donald P. Moynihan. I ricercatori sono affiliati al progetto di amministrazione elettorale dell'università, che è supportato dai finanziamenti del Pew Charitable Trusts, il principale finanziatore del Pew Research Center.