• Principale
  • Notizia
  • Il valedictorian della Carolina del Sud riaccende il dibattito sulla preghiera a scuola

Il valedictorian della Carolina del Sud riaccende il dibattito sulla preghiera a scuola

All'inizio di questo mese, il valedictorian at Liberty (S.C.) High School ha strappato il suo discorso di diploma preparato, che era stato approvato dai funzionari della scuola, e invece ha recitato la preghiera del Signore alla cerimonia di consegna dei diplomi della scuola pubblica. Secondo la CNN, Roy Costner IV ha detto che stava cercando di fare una dichiarazione che 'togliere la preghiera dalle scuole è la cosa peggiore che possiamo fare'.


Sono passati più di 50 anni da quando la Corte Suprema si è pronunciataAngel v. Vitale(1962) che la preghiera sponsorizzata dalla scuola nelle scuole pubbliche viola la clausola istitutiva del primo emendamento, e più di 20 anni da quando l'alta corte ha deciso inLee contro Weisman(1992) che le scuole pubbliche non possono sponsorizzare o promuovere la preghiera durante le cerimonie di diploma. Ma come dimostra l'incidente nella Carolina del Sud, la controversia sulla preghiera a scuola non è diminuita.

Un sondaggio del Pew Research Center del 2012 ha rilevato che il 65% degli americani crede che i liberali si siano spinti troppo oltre nel tentativo di tenere la religione fuori dalle scuole e dal governo. Una quota minore, ma significativa (48%) ritiene che i cristiani conservatori si siano spinti troppo oltre per cercare di imporre valori religiosi nel Paese.

La maggioranza degli americani disapprova la posizione della Corte Suprema sulla preghiera nelle scuole pubbliche, secondo i dati del 2012 del General Social Survey, condotto dal National Opinion Research Center dell'Università di Chicago. Alla domanda se approvano o disapprovano la sentenza della corte secondo cui nessun governo statale o locale può richiedere la lettura della preghiera del Signore o di versetti biblici nelle scuole pubbliche, circa il 39% afferma di approvare e circa il 57% afferma di disapprovare. Queste percentuali sono rimaste relativamente stabili dall'inizio degli anni '80.

I compagni meridionali di Costner sono tra i più accesi critici delle sentenze della Corte Suprema sulla preghiera scolastica. Più di sette persone su dieci (73%) che vivono nel sud affermano di disapprovare le decisioni dell'Alta corte sull'argomento nel GSS 2012. Ma molti nella generazione di Costner hanno una visione diversa. A livello nazionale, circa il 56% delle persone di età compresa tra i 18 ei 29 anni afferma di approvare il divieto di preghiera scolastica, di gran lunga la percentuale più alta di qualsiasi fascia di età.


FT_13.06.13_SchoolPrayer_byRegion-Age

Gli americani sono ben informati sulle sentenze della Corte Suprema sulla preghiera nelle scuole. Delle 41 domande che Pew Research ha posto nel suo Rapporto sulla conoscenza religiosa del 2010, l'unica domanda che il maggior numero di persone ha risposto è se le sentenze della Corte Suprema consentono agli insegnanti di guidare le classi delle scuole pubbliche in preghiera. Quasi nove intervistati su dieci (89%) hanno risposto correttamente che ciò non è consentito. Ma il sondaggio ha anche scoperto che molte persone pensano che le restrizioni costituzionali sulla religione nelle scuole pubbliche siano più severe di quanto non siano in realtà. Solo il 36% degli intervistati al sondaggio sapeva che gli insegnanti delle scuole pubbliche sono autorizzati a tenere corsi di religione comparata e solo il 23% era consapevole che gli insegnanti possono leggere la Bibbia come esempio di letteratura.