• Principale
  • Notizia
  • Rimodellare il posto di lavoro: lavori legati alla tecnologia che non esistevano (ufficialmente, almeno) 15 anni fa

Rimodellare il posto di lavoro: lavori legati alla tecnologia che non esistevano (ufficialmente, almeno) 15 anni fa

Cable Giant Comcast per acquisire Time Warner Cable

L'innovazione tecnologica ha cambiato i lavori che le persone svolgono e il modo in cui li svolgono, almeno da quando le prime filature jennies entrarono in servizio nell'industria tessile inglese negli anni Sessanta del Settecento. E per circa lo stesso tempo, le persone hanno cercato di prevedere cosa potrebbero significare le nuove tecnologie per il mondo del lavoro - previsioni che tendono ad essere utopiche (giornate lavorative di 2 ore!) O distopiche (disoccupazione massiccia).


Un nuovo rapporto del Pew Research Center si unisce a questa tradizione, raccogliendo le opinioni di quasi 1.900 esperti su come i progressi della robotica e dell'intelligenza artificiale influenzeranno l'occupazione in futuro. E ancora, le opinioni erano divise, con circa la metà che diceva che robot e agenti digitali avrebbero lasciato un numero significativo di lavoratori - bianchiecolletti blu - inattivo entro il 2025 e l'altra metà afferma che quelle tecnologie porterebbero a più nuovi posti di lavoro di quanti ne sostituiscano. (Né questo problema è limitato agli Stati Uniti: il think tank belga Bruegel ha recentemente stimato quanti lavori attuali nei 28 paesi dell'UE fossero vulnerabili all'informatizzazione; i tassi andavano dal 47% in Svezia e nel Regno Unito al 62% in Romania.)

Per quanto ci proviamo, nessuno può vedere nel futuro. Ma possiamo guardare al passato recente per avere un'idea di come il cambiamento tecnologico abbia già rimodellato la forza lavoro degli Stati Uniti, creando nuove categorie di lavoro mentre altre svaniscono.

Questi cambiamenti possono essere monitorati utilizzando i dati del programma Statistiche sull'occupazione professionale, un progetto statale federale che esamina regolarmente gli stabilimenti aziendali per generare stime sull'occupazione e sui salari per circa 800 diverse professioni. Il programma OES rivede periodicamente il proprio schema di classificazione professionale, aggiungendo alcune professioni, eliminandone alcune e modificando le definizioni di altre. Sebbene ciò possa rendere complicati i confronti anno su anno, i cambiamenti stessi possono illustrare categorie di lavoro emergenti e in calo.

Abbiamo confrontato l'elenco delle professioni del 2013 con quello del 1999, il primo con una struttura simile. Sebbene la maggior parte degli 800 posti di lavoro circa fosse invariata, c'erano alcune differenze notevoli che mostrano come le nuove tecnologie stanno già influenzando l'occupazione:


  • Nel 2013, circa 165.100 americani hanno lavorato come specialisti del supporto di reti di computer, 141.270 come architetti di reti di computer e 78.020 come analisti della sicurezza delle informazioni. Nessuna di queste occupazioni esisteva da sola nel 1999, anche se alcuni lavoratori in quei campi erano probabilmente inclusi in classificazioni più ampie come 'programmatori di computer' o 'sistemi di rete e analisti di comunicazioni dati'. Ma elencarli separatamente parla dell'importanza dell'elaborazione in rete nell'economia odierna.
  • L'anno scorso c'erano circa 112.820 sviluppatori web, un'altra classificazione lavorativa che non esisteva nel 1999 (nonostante la dot-com mania che stava crescendo quell'anno). Infatti, 'sviluppatore web' non è stato segnalato come parte del sistema di classificazione OES fino al 2012, un'indicazione che i dati spesso sono in ritardo rispetto all'evoluzione dell'economia reale.
  • Un altro nuovo lavoro: 'logistico', o qualcuno responsabile dell'analisi e del coordinamento della logistica di un'azienda. Potenti tecnologie informatiche e di comunicazione distribuite hanno creato catene di fornitura, reti di distribuzione globali e produzione 'just-in-time' (in cui i prodotti sono realizzati per corrispondere agli ordini appena arrivano, piuttosto che essere fatti in anticipo e tenuti in inventario ) Non solo possibile ma comune. Ora, si stima che 120.340 americani lavorino in questo campo, più del doppio rispetto a quando fu aggiunto nel 2004.
  • L'aumento delle comunicazioni mobili si riflette nella categoria di lavoratori che installano, testano e riparano le apparecchiature che fanno funzionare le reti. Nel 1999, quando solo circa la metà degli adulti americani possedeva un cellulare (e gli smartphone avevano appena raggiunto il mercato), quei lavoratori erano chiamati 'radio meccanici', perché lavoravano principalmente su apparecchiature di trasmissione radio. Nel 2010 sono stati ribattezzati 'installatori e riparatori di apparecchiature radio, cellulari e torri' e l'anno scorso se ne contavano circa 14.090, più del triplo del numero di 'radiomeccanici' nel 1999.
  • Le telecomunicazioni non sono l'unico campo in cui le nuove tecnologie stanno creando nuovi posti di lavoro. L'indagine OES 2013 riflette la crescente importanza delle energie rinnovabili nelle sue stime di 4.130 installatori di pannelli solari fotovoltaici e 3.290 tecnici dell'assistenza per turbine eoliche. Nessuna delle due classificazioni professionali esisteva nel 1999.

Next: Quali lavori sono più vulnerabili alla sostituzione tecnologica?