• Principale
  • Notizia
  • La polizia religiosa si trova in quasi un paese su dieci nel mondo

La polizia religiosa si trova in quasi un paese su dieci nel mondo

Map_Relectual_PoliceA partire dal 2012, almeno 17 nazioni (9% in tutto il mondo) hanno forze di polizia che applicano norme religiose, secondo una nuova analisi Pew Research dei dati del 2012. Queste azioni sono particolarmente comuni in Medio Oriente e Nord Africa, dove circa un terzo dei paesi (35%) ha la polizia che impone norme religiose.


Ad esempio, in Arabia Saudita, dove il presidente Obama incontrerà il re Abdullah alla fine di questo mese, la polizia religiosa di Muttawa (formalmente nota come Comitato per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio) impone un codice morale approvato dal governo ai residenti del nazione. La Muttawa impone una rigorosa segregazione dei sessi, il divieto di vendita e consumo di alcol, il divieto alle donne di guidare e altre restrizioni sociali basate sull'interpretazione dell'Islam da parte del governo.

All'inizio di questo mese, la polizia religiosa saudita ha distrutto un antico luogo di sepoltura nella città meridionale di al-Baha, dopo aver affermato che il cimitero non era islamico. Il mese scorso, hanno condotto pattugliamenti anti-San Valentino, monitorando le attività che vendevano cioccolatini, fiori e souvenir rossi oa forma di cuore.

L'Arabia Saudita non è la sola a utilizzare una forza di polizia religiosa. Nella regione Asia-Pacifico, la polizia che fa rispettare le norme religiose si trova in otto dei 50 paesi (16%). In Vietnam, la polizia di sicurezza religiosa del governo ha continuato a monitorare i gruppi religiosi 'estremisti', detenendo e interrogando i sospetti Dega protestanti o Ha Mon cattolici. E in Malesia, ufficiali di polizia e forze dell'ordine islamiche statali hanno effettuato raid per far rispettare la legge della sharia contro abiti indecenti, pubblicazioni vietate, consumo di alcol e khalwat (vicino a un membro del sesso opposto), secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

E nell'Africa sub-sahariana, due paesi della regione (Nigeria e Somalia) hanno la polizia religiosa. In Nigeria, la Hisbah (polizia religiosa) è finanziata e sostenuta dai governi di diversi stati, dove applicano la loro interpretazione della legge della sharia.


Nel 2012, le forze di polizia religiosa non erano presenti in nessun paese in Europa o nelle Americhe.



I dati utilizzati in questa analisi si basavano su 18 fonti ampiamente citate e pubblicamente disponibili da gruppi come il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, le Nazioni Unite, Human Rights Watch, Amnesty International e l'International Crisis Group. Sebbene sia possibile che più paesi abbiano forze di polizia religiose rispetto a quanto riportato dalle 18 fonti primarie, nel loro insieme le fonti sono sufficientemente complete per fornire una buona stima della presenza di queste forze in quasi tutti i paesi.


Leggi di piùsu come lo studio del Pew Research Center misura le ostilità sociali che coinvolgono la religione e le restrizioni governative sulla religione.