Su Twitter: Anger saluta il verdetto di Zimmerman

Credito: AFP / Getty Images

La risposta su Twitter all'assoluzione di George Zimmerman per l'omicidio di Trayvon Martin è stata quasi equamente divisa tra condividere notizie sul verdetto e soppesarlo. E tra coloro che hanno espresso opinioni sul risultato, la loro conclusione è stata molto diversa da quella dei giurati.


Secondo una nuova analisi del Pew Research Center di quasi 5 milioni di tweet sul caso nelle prime 26 ore dopo il verdetto, il 39% delle dichiarazioni su Twitter ha condiviso notizie senza alcuna opinione. Ciò dimostra il grado in cui la piattaforma dei social media funziona come un veicolo per la diffusione delle ultime notizie da parte dei cittadini e delle organizzazioni di notizie. Ma del 38% delle dichiarazioni che offrono opinioni chiare sul risultato, quelle che esprimono rabbia o opposizione al verdetto (31%) sono più numerose di quelle a sostegno dell'assoluzione (7%) di oltre 4: 1.

Per determinare il tono della conversazione su Twitter, abbiamo utilizzato metodi che combinano le regole di analisi dei contenuti di Pew Research con il software di codifica per computer sviluppato da Crimson Hexagon. Crimson Hexagon identifica i modelli statistici nelle parole usate su Twitter e include tutti i post pubblici di Twitter.

I sentimenti che denunciavano il verdetto erano spesso emotivi e spesso evocavano un sottotesto razziale, secondo un'analisi della risposta di Twitter all'esito del processo dalle 22:00. Dal 13 luglio alla mezzanotte del 14 luglio. Tra quel gruppo, la componente più grande (il 15% della reazione di Twitter) è stata la critica al sistema di giustizia penale, comprese le accuse di faziosità contro gli afroamericani. Un altro 14% ha accusato Zimmerman di aver commesso un errore, come aver deliberatamente profilato Martin. E il 2% ha parlato di Trayvon Martin come una vittima innocente.

Il livello successivo più alto di attenzione (11%) è stato dedicato al ruolo dei media nel caso, una questione evidenziata dalla condanna pubblica della stampa dopo il verdetto dell'avvocato Zimmerman Mark O'Mara. Il livello di coinvolgimento di Twitter nel caso è aumentato notevolmente dopo il verdetto. I quasi 5 milioni di tweet (4,9 milioni) nelle prime 26 ore dopo il verdetto hanno praticamente eguagliato il volume totale di tweet (5,1 milioni) sul caso pubblicato durante i 33 giorni di prova. A titolo di confronto, solo il 14 luglio ci sono stati 4,7 milioni di tweet, in contrasto con una media di circa 151.000 tweet ogni giorno durante il processo.


I temi chiave emersi su Twitter dopo il verdetto riflettono il sentimento tracciato da Pew Research nel 2012 quando la notizia della sparatoria di Martin è emersa nei media mainstream. Nel periodo dal 17 al 28 marzo 2012, le richieste di giustizia per Martin, le espressioni di simpatia per lui e la sua famiglia e l'indignazione nei confronti di Zimmerman hanno rappresentato la componente più importante della conversazione, al 40%. Al contrario, solo il 6% del sentimento di Twitter all'epoca riguardava una difesa delle azioni di Zimmerman o dello scetticismo e dei dubbi su Martin.



Nel 2012, il ruolo della razza era un tema esplicito nell'8% delle dichiarazioni su Twitter. In molti dei tweet che hanno espresso rabbia dopo il verdetto, la razza era manifesta o in agguato sotto la superficie, con una nuova attenzione al sistema di giustizia penale.


Signorina Priss. ha twittato: 'Emit till, Sean bell, trayvon Martin e Kendrick Johnson…. Chi è il prossimo'? Till era un afroamericano di 14 anni assassinato nel 1955 dopo aver presumibilmente flirtato con una donna bianca. Johnson era un adolescente afroamericano la cui recente morte in una palestra di un liceo ha scatenato l'accusa secondo cui le forze dell'ordine locali hanno gestito male il caso.

'Nessuna giustizia per Trayvon', ha scritto Sophia Bush, 'ma una donna di colore in Florida è stata condannata a 20 ANNI per aver sparato colpi di ATTENZIONE per fermare il suo aggressore'. Quel tweet si riferiva a una storia, ampiamente diffusa dopo il verdetto di Zimmerman, su una donna che è stata condannata a una lunga pena detentiva per aver sparato un colpo di avvertimento, presumibilmente per difendersi da un marito violento '.


I tweet che criticano Zimmerman si sono spesso concentrati sul suo ruolo e sulle sue azioni come cane da guardia della sicurezza del quartiere.'Zimmerman aveva delle scelte. Avrebbe potuto rimanere in un camion con le serrature delle porte o allontanarsi / aspettare la polizia #trayvonmartin ', ha twittato @TheFocuus.

Un certo numero di atleti professionisti ha ricevuto attenzione per i loro tweet all'indomani del verdetto, tra cui il calciatore professionista Roddy White, che ha scritto che i giurati avrebbero dovuto `` uccidersi per aver permesso a un uomo adulto di farla franca uccidendo un bambino '', e in seguito si è scusato per le sue osservazioni 'estreme'.

I tweet più rari a sostegno del verdetto sottolineavano l'idea che Zimmerman avesse agito per proteggersi.

'Siete stati tutti stupidi a ringraziare quell'uomo che meritava di andare in prigione. Era autodifesa. Caso chiuso. Sono contenta che sia libero '!, ha twittato Heather Eller.


Inoltre, alcuni utenti dei social media hanno espresso l'opinione che, nonostante la sua libertà, Zimmerman non avrebbe e non potrebbe riprendere una vita normale '. onestamente Zimmerman avrebbe potuto essere più al sicuro in prigione a questo punto ', ha twittato Taylor Christie.

Nota: questo post è stato aggiornato per spiegare di più sulla nostra metodologia.