L'obesità e la povertà non vanno sempre insieme

FT_13.11.12_Obesity_640px
Gli americani vedono in modo schiacciante l'obesità come un problema di salute pubblica molto serio, con conseguenze non solo per gli individui ma per la società nel suo insieme, rileva un nuovo rapporto del Pew Research Center. Ma solo chi è obeso? La ricerca sull'obesità e lo stato socioeconomico dei Centers for Disease Control and Prevention getta alcuni colpi di scena nella saggezza comune che, almeno negli Stati Uniti, l'obesità è principalmente una malattia dei poveri.


I ricercatori di salute pubblica definiscono l'obesità e più in generale il sovrappeso in termini di indice di massa corporea (BMI). L'IMC di una persona è il suo peso (in chilogrammi) diviso per il quadrato della sua altezza (in metri), arrotondato alla prima cifra decimale. Un BMI di 25 o più è considerato sovrappeso; 30 o più è considerato obeso.

Come abbiamo riferito per la prima volta nel 2006, gli americani sembrano avere una scala mobile (per così dire) quando si tratta di peso, sottovalutando costantemente il proprio rispetto agli altri '. Ad esempio, solo il 31% delle persone intervistate da Pew Research all'inizio di questo mese ha dichiarato di essere in sovrappeso; la maggior parte di loro ha affermato di essere 'un po '' o 'solo un po'' in sovrappeso, mentre il 63% ha definito il proprio peso 'quasi giusto'. Ma secondo il CDC, il 68% degli americani è in sovrappeso e più di un terzo è obeso. I dati del CDC provengono dal National Health and Nutrition Examination Survey, un programma di studi in corso che combina interviste con esami fisici standardizzati, comprese misurazioni di altezza e peso.

L'obesità varia notevolmente a seconda del sesso, della razza, dell'etnia e dei fattori socioeconomici. Nel 2010, i ricercatori del CDC (utilizzando i dati del 2005-2008) hanno scoperto che tra gli uomini di colore e messicano-americani, l'obesitàè aumentatocon reddito: il 44,5% e il 40,8% di questi uomini sono rispettivamente obesi al livello di reddito più alto, contro il 28,5% e il 29,9% del livello più basso. Oltre a ciò, tuttavia, i ricercatori hanno trovato poca correlazione tra la prevalenza dell'obesità tra gli uomini e il reddito o l'istruzione.

Tra le donne, l'obesità era effettivamente più diffusa a livelli di reddito inferiori: il 42% delle donne che vivevano in famiglie con un reddito inferiore al 130% del livello di povertà erano obese, rispetto al 29% delle donne in famiglie con o superiore al 350% di povertà. Ma la correlazione era significativa solo per le donne bianche, sebbene la tendenza fosse simile per tutti i gruppi razziali ed etnici studiati. (Le soglie di povertà sono fissate ogni anno dal Census Bureau e variano in base alle dimensioni e alla composizione della famiglia. Nel 2008, ad esempio, la soglia di povertà per una singola persona sotto i 65 anni era di $ 11.201; per una famiglia di due adulti e due figli la soglia era $ 21.834.)


Il rapporto governativo più recente, relativo al 2011-12, ha rilevato che l'obesità era significativamente più comune tra le donne di colore (56,8%) rispetto agli uomini di colore (37,1%). C'era molta meno obesità tra gli asiatici americani rispetto ad altri gruppi razziali / etnici: 10,8%, rispetto al 32,6% per i bianchi, 42,5% per gli ispanici e 47,8% per i neri. Tuttavia, la forma del corpo e la corporatura normale variano in base al sesso, alla razza e all'etnia, e membri di diversi gruppi demografici possono avere più o meno grasso corporeo, anche con lo stesso BMI. Ad esempio, come hanno notato i ricercatori, 'a un dato BMI, gli adulti asiatici possono avere più grasso corporeo rispetto agli adulti bianchi'.
obesity_map



Dopo un brusco aumento negli anni '80 e '90, i tassi di obesità negli Stati Uniti sembrano essersi sostanzialmente stabilizzati negli ultimi anni. Più di un terzo (34,9%) degli adulti statunitensi, o 78,6 milioni, erano obesi nel 2011-12, secondo i dati del governo, non significativamente diverso dal tasso di obesità del 35,7% riscontrato nel 2009-10 o dal tasso del 34,2% trovato nel 2007 -08.


A livello globale, l'obesità è principalmente un problema dei paesi sviluppati piuttosto che in via di sviluppo, e in pochi luoghi più che negli Stati Uniti. Utilizzando i dati del 2010, l'Organizzazione mondiale della sanità ha stimato che il 44,2% dei maschi statunitensi e il 48,3% delle donne statunitensi di età pari o superiore a 15 anni erano obesi.