• Principale
  • Notizia
  • Il numero di bambini latini sorpresi a tentare di entrare negli Stati Uniti è quasi raddoppiato in meno di un anno

Il numero di bambini latini sorpresi a tentare di entrare negli Stati Uniti è quasi raddoppiato in meno di un anno

Il numero di minori messicani e centroamericani, non accompagnati dai genitori, che tentano di entrare illegalmente negli Stati Uniti.

Da ottobre un numero record di minori non accompagnati è stato arrestato lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, un afflusso così grande che il presidente Obama l'ha definita una 'situazione umanitaria urgente'. Per aiutare a ospitare il trabocco dei bambini, sono stati aperti rifugi di emergenza presso basi militari in California, Texas e Oklahoma, oltre a una struttura in Arizona. E venerdì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha svelato un nuovo programma di assistenza legale da 2 milioni di dollari per aiutare i bambini a navigare nei tribunali dell'immigrazione.


Tra il 1 ° ottobre 2013 e il 31 maggio di quest'anno, 47.017 minori di 18 anni non accompagnati che viaggiavano senza un genitore o un tutore sono stati presi in custodia, secondo la US Customs and Border Protection. Questo totale è quasi il doppio rispetto a tutto lo scorso anno fiscale (24.493 arresti), con quattro mesi ancora da trascorrere nell'anno fiscale in corso. Un governo non ufficiale stima che gli arresti dei progetti aumenteranno a 90.000 nel 2014, quasi quattro volte di più rispetto all'anno precedente.

Forte aumento dei minori non accompagnati provenienti dal Messico e dallMentre il Messico è la principale fonte di immigrati non autorizzati negli Stati Uniti, tre su quattro minori non accompagnati arrestati quest'anno provengono dall'America centrale. L'Honduras, una nazione devastata dalla violenza delle bande, ha visto gli aumenti più sorprendenti. Quest'anno, più di 13.000 minori honduregni non accompagnati sono stati arrestati al confine con gli Stati Uniti rispetto ai 968 bambini arrestati cinque anni fa. Il numero di minori honduregni non accompagnati arrestati nel 2014 finora è già quasi il doppio rispetto a tutto lo scorso anno.

Il picco delle apprensioni è arrivato in gran parte nel settore del Rio Grande della Protezione doganale e delle frontiere degli Stati Uniti, che si trova lungo la punta più meridionale del Texas e delimitato dal Messico e dal Golfo del Messico. Circa il 71% (o 33.470) di tutti gli arresti di minori non accompagnati quest'anno hanno avuto luogo qui. Rispetto al 2013, gli arresti a otto mesi dall'inizio di quest'anno nel settore del Rio Grande sono aumentati del 168%. In confronto, il settore con il numero successivo più alto, il settore di Tucson in Arizona, che percorre 262 miglia lungo il confine degli Stati Uniti con il Messico, ha finora registrato 6.254 arresti quest'anno, quasi pari al totale di tutto il 2013 (6.569).

Funzionari dell'amministrazione Obama hanno affermato che l'aumento dei giovani non accompagnati al confine potrebbe essere dovuto alla violenza e alle economie povere nei paesi di origine dei bambini, come in Honduras ed El Salvador, e alla diffusione di voci secondo cui i bambini che arrivano al confine senza genitori hanno vinto '. essere deportato. Nel frattempo, i repubblicani incolpano una politica del 2012 che ha portato a permessi di lavoro di due anni e sollievo dall'espulsione a più di 600.000 immigrati non autorizzati che sono venuti negli Stati Uniti da bambini. Con il primo round di rinnovo dei permessi in arrivo, i repubblicani incolpano quella politica per aver alimentato le voci secondo cui gli Stati Uniti non espelleranno i bambini.


I bambini catturati al confine vengono sottoposti a procedimenti di espulsione e consegnati a un membro della famiglia negli Stati Uniti che può prendersi cura di loro mentre il loro caso passa attraverso il tribunale dell'immigrazione. Se la famiglia non può essere localizzata, i bambini vengono affidati alle cure del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. I bambini messicani hanno maggiori probabilità di quelli dell'America centrale di essere deportati rapidamente e di ricongiungersi alla famiglia nel loro paese d'origine, in parte a causa degli accordi tra i governi degli Stati Uniti e del Messico.



Sebbene i dati sull'età e il sesso dei minori non accompagnati dei paesi dell'America centrale non fossero disponibili, il 98% dei minori messicani arrestati lo scorso anno dalle autorità statunitensi e rimpatriati alle autorità messicane avevano un'età compresa tra i 12 ei 17 anni e l'89% erano maschi, secondo il governo messicano.