• Principale
  • Notizia
  • La maggior parte dei giovani americani afferma che Snowden ha servito l'interesse pubblico

La maggior parte dei giovani americani afferma che Snowden ha servito l'interesse pubblico

I giovani adulti sono significativamente più favorevoli dei loro anziani di Edward Snowden e delle sue fughe di dettagli riservati dei programmi di sorveglianza telefonica e Internet della National Security Agency, secondo un nuovo sondaggio del Pew Research Center / USA TODAY.FT_14.01.21_Snowden_2 (1)


Il 57% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 29 anni ha affermato che le perdite lo hanno fattoservitopiuttosto che danneggiare l'interesse pubblico - rispecchia quasi esattamente il gruppo di 65 anni e più. Questi adulti più giovani erano l'unico gruppo di età senza il sostegno della maggioranza per perseguire Snowden - si sono divisi dal 42% al 42% sulla questione se l'ex appaltatore della NSA dovesse essere processato. (Snowden è stato accusato nel giugno 2013 di tre conteggi penali relativi alle fughe di notizie, anche se apparentemente non è stato ancora formalmente incriminato.)

Ma quando si tratta dei programmi stessi, c'è molta meno differenza tra i gruppi di età. I giovani adulti esprimono livelli di disapprovazione simili nei confronti dei programmi di sorveglianza della NSA che Snowden ha rivelato rispetto ai gruppi più anziani: il 59% dei giovani di età compresa tra i 18 ei 29 anni, rispetto a circa la metà degli adulti dai 50 anni in su. E circa la metà di ogni fascia di età afferma che non ci sono limiti adeguati ai dati su telefono e Internet che il governo può raccogliere.

Il divario tra giovani e anziani su Snowden e le sue fughe di notizie assomiglia alla divisione attitudinale di più di tre anni fa dopo il rilascio da parte di Wikileaks di cablogrammi diplomatici segreti statunitensi. In un sondaggio Pew Research del dicembre 2010, il 39% dei giovani adulti ha affermato che le rivelazioni di Wikileaks hanno servito l'interesse pubblico e il 40% ha affermato di averlo danneggiato; gli adulti di 65 anni e la stragrande maggioranza (dal 65% al ​​24%) hanno affermato che le rivelazioni di Wikileaks hanno danneggiato l'interesse pubblico.

Più in generale, forti maggioranze di tutti i gruppi di età concordano sul fatto che 'gli americani non dovrebbero rinunciare alla privacy e alla libertà per essere al sicuro dal terrorismo'. Ma le persone di età inferiore ai 50 anni erano significativamente più favorevoli a quella posizione rispetto ai 50 anni e oltre.