• Principale
  • Notizia
  • La maggior parte dice che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società

La maggior parte dice che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società


Mentre il pubblico è diviso sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, la maggioranza degli americani (58%) afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata, piuttosto che scoraggiata, dalla società.

Tra i più giovani, in particolare, c'è un ampio sostegno all'accettazione dell'omosessualità da parte della società. Più di sei su dieci (63%) di quelli di età inferiore ai 50 anni - il 69% di quelli di età inferiore ai 30 anni - afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata. Molto meno di coloro che hanno 50 anni e più (52%) sono favorevoli all'accettazione da parte della società dell'omosessualità.

Questi sono tra i risultati dell'ultimo sondaggio sulla tipologia politica del Pew Research Center, pubblicato il 4 maggio 2011. Il sondaggio, condotto a febbraio e marzo di quest'anno, ha mostrato che l'opposizione al matrimonio gay ha continuato a diminuire.

Attualmente, il 45% è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente, mentre il 46% è contrario. Due anni fa, nell'aprile 2009, il 35% era favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre il 54% era contrario.


L'opposizione al matrimonio gay è diminuita di 19 punti (dal 65%) dal 1996 (per ulteriori informazioni sul cambiamento delle opinioni pubbliche sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, vedere i rapporti del Pew Research Center del 3 marzo 2011 e del 6 ottobre 2010.)



L'indagine sulla tipologia politica ha anche rilevato un calo delle opinioni negative sul crescente numero di gay e lesbiche che allevano figli. Oggi, il 35% afferma che più genitori gay fanno male alla società, il 14% vede positivamente questa tendenza, mentre il 48% afferma che non fa molta differenza. Quattro anni fa, il 50% ha visto questa tendenza negativamente, l'11% ha affermato che era una buona cosa e il 34% ha affermato che non ha fatto differenza.


Le questioni gay sono ancora politicamente divisive

La maggioranza della maggior parte dei gruppi demografici afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società. Ma ci sono ampie differenze politiche e religiose nelle opinioni su questa misura. Due terzi dei Democratici (67%) e il 63% degli indipendenti affermano che l'omosessualità dovrebbe essere accettata, rispetto al 40% dei Repubblicani.

Tra i gruppi religiosi, la maggioranza sostanziale dei non affiliati alla religione (79%), dei cattolici bianchi (66%) e dei protestanti della linea principale bianca (65%) afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata. Tuttavia, solo il 29% dei protestanti evangelici bianchi è d'accordo, mentre più del doppio (63%) afferma che l'omosessualità dovrebbe essere scoraggiata dalla società.


Esistono anche differenze di genere e razziali: più donne rispetto agli uomini favoriscono l'accettazione dell'omosessualità da parte della società (64% contro 52%). Gli ispanici (64%) e i bianchi (58%) sono più favorevoli rispetto agli afroamericani (49%).

Genitori gay visti in modo meno negativo

Dal 2007, la percentuale che afferma che l'aumento del numero di coppie gay che allevano figli è una cosa negativa è scesa dal 50% al 35%. La proporzione che vede positivamente questa tendenza è cambiata molto poco (11% allora, 14% oggi). Piuttosto, c'è stato un aumento sostanziale della percentuale che dice che non fa molta differenza (34% nel 2007, 48% oggi).

Mentre continuano a esserci differenze di parte considerevoli nelle opinioni sulla genitorialità gay, c'è stato un calo generalizzato delle opinioni negative. Nel febbraio 2007, il 70% dei repubblicani ha affermato che più gay e lesbiche che crescono i figli era una cosa negativa per la società. Oggi, il 53% dei repubblicani esprime questa opinione, mentre quasi altrettanti dicono che non fa molta differenza (42%) o è una buona cosa (4%). Solo il 30% degli indipendenti e il 28% dei democratici vede la tendenza verso più genitori gay come una cosa negativa, in calo dal 41% e dal 39%, rispettivamente, di quattro anni fa.

La percentuale di afroamericani che vedono questa tendenza negativamente è cambiata poco dal 2007; Il 45% ora afferma che più genitori gay sono una cosa negativa per la società, il che è poco cambiato rispetto a quattro anni fa (52%). Le opinioni negative tra i bianchi e gli ispanici sono diminuite rispettivamente di 17 e 14 punti in questo periodo.


Questioni gay e tipologia politica

La tipologia politica ha rilevato che le questioni relative all'omosessualità e ai diritti dei gay sono più divisive tra i principali gruppi democratici che tra i gruppi GOP.

Tra i gruppi democratici nella tipologia, una percentuale schiacciante di Solid Liberals (92%) afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società; quasi altrettanti (85%) sono favorevoli al matrimonio gay. I liberali solidi sono più bianchi, istruiti e meno religiosi della maggior parte degli altri gruppi di tipologia. (Per una descrizione dettagliata di tutti e nove i gruppi di tipologie, vedere 'Profili dei gruppi di tipologie').

Al contrario, gli altri due gruppi democratici - Hard-Pressed Democrats e New Coalition Democrats, che sono molto più religiosi e meno istruiti dei Solid Liberals - sono divisi sul fatto che l'omosessualità debba essere accettata o scoraggiata. E solo circa un terzo in ogni gruppo è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso (32% dei Democratici con pressioni dure, 34% dei Democratici della Nuova Coalizione).

Entrambi i gruppi repubblicani principali - conservatori convinti e repubblicani di Main Street - sono altamente religiosi; Il 91% dei repubblicani di Main Street e il 90% dei conservatori fedeli affermano che la religione è personalmente molto importante. In entrambi i gruppi, una grande maggioranza afferma che l'omosessualità dovrebbe essere scoraggiata e opporsi al matrimonio gay.

I tre gruppi indipendenti differiscono ampiamente nelle loro opinioni sul fatto che l'omosessualità debba essere accettata e se il matrimonio tra persone dello stesso sesso debba essere legale. I libertari di tendenza repubblicana hanno atteggiamenti molto conservatori sulle questioni economiche, sebbene visioni molto più liberali sulle questioni sociali. Ben il 71% afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata, anche se molto meno (43%) è favorevole al matrimonio gay. Disaffecteds, un altro gruppo di orientamento GOP, sono altamente religiosi ed esprimono opinioni conservatrici sulle questioni sociali. Solo circa la metà (48%) afferma che l'omosessualità dovrebbe essere accettata e solo il 34% è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso.

I postmoderni, che sono democratici, sono giovani, istruiti e poco religiosi. I postmoderni pensano in modo schiacciante che l'omosessualità dovrebbe essere accettata dalla società (lo dice il 91%) e sostiene il matrimonio tra persone dello stesso sesso (80%).

Ci sono differenze simili tra i gruppi di tipologia nelle opinioni su più gay e lesbiche che crescono figli. Mentre il 40% dei liberali solidi vede questa tendenza come una cosa positiva per la società, solo il 9% dei democratici sotto pressione e il 10% dei democratici della nuova coalizione sono d'accordo.

La maggioranza dei due principali gruppi repubblicani esprime opinioni negative su più gay e lesbiche che crescono figli: il 71% dei conservatori convinti afferma che questo è un male per la società, così come il 56% dei repubblicani di Main Street.

Ma le opinioni sono più contrastanti tra i due gruppi indipendenti orientati al GOP: meno della metà dei Disaffected (40%) e Libertarians (28%) vede questa tendenza negativamente; Il 59% dei Libertari e il 49% dei Disaffetti afferma che non fa molta differenza.

Circa due terzi dei postmoderni (66%) afferma che il numero crescente di gay e lesbiche che allevano figli non fa molta differenza; meno (20%) afferma che questo è un trend positivo per la società, mentre solo il 9% afferma che è una cosa negativa.

Leggi il rapporto completo sulla tipologia del 2011, 'Beyond Red vs. Blue: The Political Typology', su pewresearch.org/politics.