• Principale
  • Notizia
  • Più ispanici, neri che si iscrivono al college, ma sono in ritardo nei diplomi di laurea

Più ispanici, neri che si iscrivono al college, ma sono in ritardo nei diplomi di laurea

Iscrizione al college per razza / etnia negli Stati Uniti

Questa settimana, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato una legge approvata dagli elettori nel Michigan che vietava la considerazione della razza nelle decisioni di ammissione al college pubblico. Mentre otto stati hanno approvato leggi che limitano l'azione affermativa dal 1996, come è cambiata la composizione razziale di studenti universitari e laureati?


La storia più importante è tra gli ispanici, che hanno ottenuto grandi guadagni nelle iscrizioni all'università, una misura che include sia le scuole biennali che quelle quadriennali. Dal 1996 al 2012, le iscrizioni all'università tra gli ispanici di età compresa tra 18 e 24 anni sono più che triplicate (aumento del 240%), superando gli aumenti tra i neri (72%) e i bianchi (12%). (Il Census Bureau non ha pubblicato i dati sulle iscrizioni ai college asiatici prima del 1999.) In effetti, per la prima volta nel 2012, il tasso di iscrizione al college ispanici tra i diplomati delle scuole superiori dai 18 ai 24 anni ha superato quello dei bianchi, 47%.
Composizione razziale dei diplomati delle scuole superiori pubbliche statunitensi, di quelli iscritti al college e di laureati

Le iscrizioni al college sono cresciute tra tutte le razze e i gruppi etnici durante questo periodo di 16 anni. Tra gli ispanici, la crescita delle iscrizioni all'università ha superato la crescita dei diplomati delle scuole superiori pubbliche (141%) più o meno nello stesso periodo di tempo. Il numero di diplomati delle scuole superiori pubbliche è aumentato del 63% tra i neri e dell'8% tra i bianchi.

Nel 2012, gli ispanici rappresentavano circa una percentuale uguale di tutti i diplomati delle scuole superiori pubbliche (18%) e di tutti gli studenti universitari (dai 18 ai 24 anni) (19%). Anche bianchi, neri e asiatici avevano la stessa percentuale di diplomati delle scuole superiori pubbliche degli iscritti al college.

Ma quando si esaminano i dati di una fascia di età più avanzata con una laurea di primo livello, si apre una lacuna perché una quota minore di ispanici sta completando una laurea quadriennale. Nel 2012, gli ispanici rappresentavano solo il 9% dei giovani adulti (dai 25 ai 29 anni) laureati. Questo divario è dovuto, in parte, al fatto che gli ispanici hanno meno probabilità dei bianchi di iscriversi a un college quadriennale, frequentare un college selettivo e iscriversi a tempo pieno.


Mentre gli ispanici sono la storia demografica più pronunciata, i dati sull'istruzione mostrano tendenze diverse per altre razze ed etnie nei campus universitari. Come gli ispanici, i neri sono sottorappresentati tra coloro che hanno una laurea. Nel 2012, i neri costituivano il 14% degli studenti in età universitaria (dai 18 ai 24 anni), ma solo il 9% dei diplomi di laurea conseguiti da giovani adulti.



Al contrario, i bianchi e gli asiatici sono sovrarappresentati tra i giovani laureati. I bianchi costituiscono una percentuale minore di studenti nel campus oggi rispetto a 20 anni fa, quando tre studenti su quattro in un campus universitario erano bianchi. Nel 2012, i bianchi rappresentavano il 58% degli studenti in età universitaria, ma il 69% dei giovani adulti con una laurea. Come i bianchi, i dati mostrano che un'alta percentuale di asiatici completa la laurea quadriennale. Nel 2012, gli asiatici rappresentavano il 7% degli studenti in età universitaria, ma l'11% dei diplomi di laurea conseguiti.


Gli americani con un margine di due a uno (dal 63% al 30%) affermano che i programmi di azione affermativa progettati per aumentare il numero di studenti neri e di minoranze nei campus universitari sono una 'buona cosa', secondo un nuovo sondaggio di Pew Research. I neri e gli ispanici sostengono in modo schiacciante l'azione affermativa e anche la maggioranza dei bianchi lo fa. (La dimensione del campione per gli asiatici è troppo piccola per essere statisticamente significativa.) Nel complesso, il supporto è rimasto pressoché invariato rispetto al 2003.