• Principale
  • Notizia
  • 'Messicano', 'ispanico', 'latinoamericano' in cima alla lista dei commenti di razza nel censimento del 2010

'Messicano', 'ispanico', 'latinoamericano' in cima alla lista dei commenti di razza nel censimento del 2010

Domanda sulla razza sul censimento dal censimento degli Stati Uniti Qualche altra razzaQual è la tua razza? L'Ufficio censimento degli Stati Uniti pone questa domanda a ogni famiglia americana, ma il menu di opzioni offerte potrebbe sembrare limitante per alcuni.


Nel modulo di censimento del 2010, oltre alle caselle contrassegnate con 'bianco', 'nero o africano'. O negro 'o' indiano americano o nativo dell'Alaska 'o una delle numerose opzioni asiatiche, gli intervistati hanno la possibilità di selezionare una casella chiamata' un'altra razza 'e di scrivere una risposta in una casella sottostante.

ispaniciSecondo un nuovo rapporto del censimento pubblicato la scorsa settimana, circa un terzo dei 47,4 milioni di ispanici autoidentificati ha scelto 'un'altra razza' per descrivere la propria identità razziale. Tra questi, il 44,3% ha scritto in messicano, messicano americano o Messico nella confezione fornita. Un ulteriore 22,7% ha scritto in ispanico o ispanico o spagnolo come razza e un altro 10,0% ha scritto in latino-americano o latino o latino.

I latini non sono l'unico gruppo di americani che utilizza la categoria 'qualche altra razza' nel modulo di censimento, ma sono i più propensi a farlo. Nel 2010, il 6,2% degli americani ha selezionato 'qualche altra razza', contro il 5,5% nel 2000. Tra tutti coloro che hanno risposto in questo modo alla domanda sulla razza nel 2010, il 96,8% era ispanico, poco cambiato rispetto al 2000. Oltre alla domanda sulla razza , il censimento del 2010 includeva una domanda separata sull'origine ispanica. Attualmente è l'unica categoria etnica inclusa nel censimento ed è stata richiesta a tutte le famiglie sui moduli di censimento dal 1980.

Risposte Il nuovo rapporto del Census Bureau ha anche dettagliato le risposte di 'qualche altra razza' da parte dei gruppi di origine ispanica. Circa il 43,4% degli ispanici di origine guatemalteca ha selezionato la categoria, così come il 42,9% dei salvadoregni e il 37,7% degli honduregni, le tre quote più alte tra i gruppi di origine ispanica. Al contrario, solo il 5,2% dei cubani, l'8,1% degli argentini e l'8,9% degli uruguaiani hanno scelto 'un'altra razza'.


Questi risultati sono coerenti con le indagini del Pew Research Center sui latini e le loro opinioni sulla loro identità. La maggior parte preferisce essere identificata dal proprio paese di origine, ad esempio messicano, dominicano o guatemalteco. Quando si tratta di segnalare la loro razza, circa la metà dei latini nei nostri sondaggi sceglie 'un'altra razza' o si offre volontariamente 'ispanica o latina' come razza. I latini inoltre non esprimono in gran parte alcuna preferenza per i termini panetnici 'ispanico' o 'latino'. Ma tra quelli con una preferenza, 'Ispanico' è preferito a 'Latino' con un margine di due a uno.



L'opzione 'qualche altra razza' nella domanda sulla razza del modulo di censimento non è mai stata intesa come una categoria selezionata da così tanti intervistati. La categoria è stata aggiunta al modulo di censimento del 1980 per catturare il piccolo numero di persone che non hanno selezionato una delle categorie di gara ufficiali. Ma da allora è cresciuta fino a diventare la terza categoria di gare più grande nel censimento.


Il Census Bureau sta attualmente ricercando come invertire la crescente percentuale di americani che scelgono 'qualche altra razza', comprese le opzioni che combinano tutte le opzioni etniche e razziali in un'unica domanda. Nei focus group, gli americani hanno affermato di non essere sicuri di come identificarsi nei moduli di censimento, il che ha in parte portato alla crescita dell'uso della categoria 'qualche altra razza'. I dati razziali ed etnici del censimento aiutano a determinare come vengono estratti i distretti del Congresso, come vengono distribuiti 400 miliardi di dollari in aiuti federali e l'applicazione delle leggi sui diritti civili.

Il National Institute for Latino Policy e molti studiosi hanno sollevato la possibilità che l'uso della categoria 'qualche altra razza' da parte degli ispanici sia una 'risposta legittima alle definizioni statunitensi di razza che non si applicano all'esperienza (di) molti latini', piuttosto che un segno che gli ispanici stanno lottando per rispondere alla domanda.