I tedofori di JFK ora votano più repubblicani

Nel suo discorso inaugurale del 1961, John F. Kennedy dichiarò che 'la torcia è stata passata a una nuova generazione di americani'. Si riferiva al fatto che un 43enne stava sostituendo un settantenne alla Casa Bianca, ma le sue parole avrebbero dovuto risuonare anche con gli americani ancora più giovani che stavano per diventare maggiorenni. Cinque decenni dopo la morte di Kennedy, cosa è successo a quei tedofori? Si scopre che votano un po 'più repubblicano dell'elettorato generale.


Pew Research ha monitorato la preferenza di voto tra diverse coorti di età nelle passate elezioni presidenziali e di medio termine e ha esaminato chi era il presidente quando ciascuna coorte ha compiuto 18 anni. La persona che si trova alla Casa Bianca quando le persone raggiungono la maggiore età influisce sulla loro politica a lungo termine inclinazioni? Osservando i probabili elettori dai nostri sondaggi pre-elettorali, possiamo vedere come ogni coorte di età ha votato rispetto alla media nazionale.

Rispetto all'elettorato in generale, gli americani che sono diventati maggiorenni durante le presidenze di Kennedy o Lyndon Johnson hanno offerto più sostegno a Mitt Romney nel 2012 e più sostegno a John McCain nel 2008. (Per riferimento, l'era Kennedy-Johnson di 18 anni- i vecchi avevano 62-69 anni durante le elezioni del 2012).

In alcune elezioni precedenti che abbiamo monitorato, i probabili elettori di quella coorte si sono inclinati un po 'più democratici. Ma in ogni elezione dal 2000, coloro che sono diventati maggiorenni sotto Kennedy e Johnson hanno votato più repubblicano o più o meno come il resto del paese.

Questo non vuol dire che questi elettori siano repubblicani come quelli della generazione Silent, che sono diventati maggiorenni sotto Dwight Eisenhower e Harry Truman - quelle coorti votano molto più repubblicani del resto dell'elettorato. Allo stesso modo, coloro che hanno compiuto 18 anni nel Gerald Ford-Jimmy Carter o Ronald Reagan-George H.W. Bush negli anni ha anche votato costantemente più repubblicano nelle ultime elezioni.


In effetti, sono i diciottenni dell'era Nixon, nati nel bel mezzo del Baby Boom e di età compresa tra 56 e 61 anni le ultime elezioni, ad essere più democratici. Nel 2012, il loro margine di sostegno per Obama ha superato di 5 punti la media nazionale.



Anche oggi i democratici ottengono molta della loro forza di voto dagli adulti che hanno compiuto 18 anni durante gli anni di Bill Clinton o dopo. Gli adulti che sono diventati maggiorenni sotto Clinton (che erano 30-37 nel 2012) hanno favorito Obama di 13 punti, 10 punti in più rispetto alla media nazionale. La coorte più democratica è la generazione che ha compiuto 18 anni sotto George W. Bush o Obama. Questi elettori, che erano 18-29 nel 2012, hanno favorito Obama di 22 punti in più rispetto al resto del paese.


Il tempo dirà se queste giovani generazioni manterranno i loro schemi di voto man mano che invecchiano. Da un lato, la più grande generazione che ha raggiunto la maggiore età sotto Franklin Roosevelt è rimasta fedelmente orientata ai democratici per tutta la vita. Ma come mostra la generazione Kennedy-Johnson, 50 anni possono cambiare molto.