Il divorzio è contagioso?

FT_Updated_DivorceCome se le persone sposate non avessero abbastanza di cui preoccuparsi, un nuovo studio suggerisce che il divorzio di un amico o di un parente stretto aumenta notevolmente le possibilità che divorziate anche voi.


Un gruppo di ricerca guidato da Rose McDermott della Brown University ha analizzato tre decenni di dati su matrimonio, divorzio e risposarsi raccolti da migliaia di residenti di Framingham, Massachusetts.

McDermott e i suoi colleghi hanno scoperto che i partecipanti allo studio avevano il 75% in più di probabilità di divorziare se un amico è divorziato e il 33% in più di probabilità di porre fine al loro matrimonio se un amico di un amico è divorziato.

Quindi il divorzio è contagioso ... e puoi prendere il bug del divorzio dai tuoi amici, anche da un amico di un amico?

'Affrontare l'epidemiologia del divorzio dalla prospettiva di un'epidemia può essere adatto in più di un modo', hanno scritto McDermott e i suoi colleghi in un prossimo articolo sulla rivista Social Forces. 'Il contagio del divorzio può diffondersi attraverso un social network come una voce, colpendo amici fino a due gradi allontanati'.


I sociologi chiamano il fenomeno 'contagio sociale': la diffusione di informazioni, atteggiamenti e comportamenti attraverso amici, famiglie e altri social network.



Esempi di contagio sociale vanno dal comportamento sessuale degli adolescenti alla diffusione di malattie fantasma sul posto di lavoro. L'economista Ilyana Kuziemko ha riferito in un documento del 2006 intitolato 'Is Taking Babies Contagious'? che fratelli e sorelle hanno molte più probabilità di avere un figlio subito dopo il parto. Un gruppo di ricerca in Arkansas ha monitorato il modo in cui l'obesità sembrava diffondersi nelle classi delle scuole elementari.


McDermott e i suoi colleghi basano le loro scoperte sui dati raccolti nel Framingham Heart Study, uno dei sondaggi longitudinali più longevi e influenti del paese (i sondaggi longitudinali seguono gli stessi gruppi di persone nel tempo). Il progetto è iniziato nel 1948 per studiare i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. I ricercatori hanno intervistato 5.209 uomini e donne di età compresa tra i 30 ei 62 anni a Framingham, situata a 20 miglia a ovest di Boston e oggi abitata da 67.000 persone.

Circa ogni due anni i soggetti vengono nuovamente intervistati e sottoposti a una dettagliata anamnesi, esame fisico e test di laboratorio. Nel 1971, una seconda generazione è stata aggiunta al gruppo di studio originale quando i ricercatori hanno arruolato 5.124 dei figli adulti dei partecipanti originali e dei loro coniugi. Questa coorte di 'prole' viene riesaminata circa ogni quattro anni.


Gradi di separazione

Per coloro che non hanno familiarità con il concetto di 'gradi di separazione', ecco una breve introduzione: le persone con legami sociali diretti con te: i tuoi amici, figli, genitori e fratelli sono un grado di separazione rimosso per te. Gli amici dei tuoi amici sono due gradi di separazione collegati a te, gli amici degli amici dei tuoi amici sono tre gradi rimossi e così via.

La frase è entrata nella cultura pop all'inizio degli anni '90 con la commedia di John Guare e il successivo film 'Six Degrees of Separation', un riferimento all'affermazione che tutti nel mondo sono, in media, a soli sei gradi da chiunque altro. L'idea si è trasformata nel gioco 'Sei gradi di Kevin Bacon' in cui gli appassionati di cinema cercano di collegare gli attori ai film in cui è apparso Bacon.

Gli accademici specializzati in social network sono stati attratti dallo studio perché, tra le altre cose, chiede alle persone di nominare i propri amici e familiari. Poiché Framingham è così piccolo e il campione dello studio così grande, molti partecipanti allo studio sono amici o sono imparentati con qualcun altro nello studio. In effetti, ogni partecipante allo studio in media ha nominato quasi altri 11 partecipanti allo studio come amici o familiari, una miniera d'oro di dati per i ricercatori che studiano come amici e legami familiari influenzano la salute e il comportamento.

Per il loro studio, McDermott e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati raccolti in sette cicli successivi di interviste a partire dal 1971 e terminare nel 2001 (ovviamente molti della prima generazione erano già morti o sarebbero morti durante il periodo di studio di 30 anni mentre un molti altri avevano abbandonato lo studio lungo il percorso. Tra la coorte di bambini adulti, circa otto su dieci hanno partecipato al settimo ciclo di esami e interviste.)


I ricercatori avvertono che il loro gruppo di studio non è rappresentativo del paese nel suo insieme. Ciò significa che non si può dire che i loro risultati riflettano ciò che sarebbe stato trovato se fosse stato intervistato un campione rappresentativo a livello nazionale di tutti gli adulti. Ad esempio, i partecipanti allo studio sono quasi tutti bianchi, più istruiti e con maggiori probabilità di essere della classe media ed avevano meno probabilità di divorziare rispetto alla popolazione statunitense. (Notano che queste caratteristiche demografiche sono anche associate a tassi di divorzio più bassi a livello nazionale). Né lo studio tiene conto dei legami con persone che non facevano parte dello studio di Framingham.

Nel complesso, hanno scoperto che il divorzio di un amico o di un parente stretto aumentava significativamente la probabilità di divorzio. Ad esempio, circa il 9% dei figli adulti del gruppo di studio del 1948 ha divorziato almeno una volta. I risultati suggeriscono che le possibilità di divorziare aumentano a circa il 16% se un amico o un parente stretto ha divorziato - un aumento del 75% rispetto al tasso complessivo di divorzi. La probabilità di divorzio sale a circa il 12% se gli amici e i parenti degli amici e dei parenti del partecipante divorziano. Ma l'effetto poi svanisce e il divorzio di una persona di tre lauree rimossa - un amico di un amico di un amico - non cambia in modo significativo la probabilità che una coppia si separi.

'Suggeriamo che occuparsi della salute dei matrimoni dei propri amici potrebbe servire a sostenere e migliorare la durata della propria relazione', concludono. 'Sebbene le prove che presentiamo qui siano limitate a una singola rete ... i matrimoni persistono nel contesto di comunità di relazioni sane e nel contesto di reti sociali che incoraggiano e supportano tali unioni'.

Altri approfondimenti dallo studio:

  • Le persone nel gruppo di studio che hanno divorziato hanno maggiori probabilità di sposare qualcun altro che è divorziato, in particolare coloro che si ricongiungono relativamente presto dopo aver concluso il loro precedente matrimonio. Rispetto ad altri, coloro che si sono risposati dall'ultimo periodo di studio avevano quattro volte più probabilità di sposare una divorziata.
  • Il partecipante divorziato è diventato meno popolare, in parte perché potrebbe perdere come amici membri della rete di amici del loro ex coniuge. 'Inoltre, le persone appena single possono essere percepite come minacce sociali dagli amici sposati che si preoccupano del bracconaggio coniugale'.
  • Le persone più popolari, i partecipanti con più amici nel loro social network, avevano meno probabilità di divorziare rispetto a quelli con meno amicizie. Parte del motivo potrebbe essere che 'una rete di amicizia forte e solidale' protegge il matrimonio di una coppia 'rendendo più facile per le persone affrontare gli inevitabili stress coniugali'.

Riguardo agli Autori:Rose McDermottè professore di scienze politiche alla Brown University. Le sue specialità di ricerca includono metodi sperimentali e psicologia politica.James H. Fowler, specialista in social network, è professore di genetica medica e scienze politiche presso l'Università della California, San Diego.Nicolas A. Christakisè un medico e sociologo presso la Yale University e co-direttore dello Yale Institute for Network Science.