• Principale
  • Notizia
  • Sono ENTRAMBI ebreo e ateo. Come mi classifichereste nei vostri rapporti?

Sono ENTRAMBI ebreo e ateo. Come mi classifichereste nei vostri rapporti?

D: Ho letto alcuni articoli di giornale sul tuo sondaggio sulla conoscenza religiosa negli Stati Uniti. Sembra che le tue categorie includano 'ebrei' e 'atei / agnostici'. Beh, sono ENTRAMBI ebreo e ateo. Non ti rendi conto che ci sono persone come me? Come mi classificheresti?


Sì, molte persone hanno identità religiose complesse. Non siamo in grado di tenere conto di ogni possibile variazione, ma siamo in grado di tracciare un'ampia varietà di combinazioni, specialmente quelle più comuni, perché chiediamo alle persone non solo della loro appartenenza religiosa primaria, ma anche delle loro credenze e pratiche specifiche. Questo ci permette di valutare, ad esempio, quante persone si considerano ebree ma non credono in Dio; nell'indagine sulla conoscenza religiosa degli Stati Uniti, il 15% degli ebrei intervistati ha dichiarato di non essere credenti.

Il modo in cui ti classifichiamo, tuttavia, dipende esattamente da come ti sei descritto. In primo luogo, chiediamo agli intervistati la loro affiliazione religiosa. La formulazione completa della domanda è: 'Qual è la tua religione attuale, se esiste? Sei protestante, cattolico romano, mormone, ortodosso, come ortodosso greco o russo, ebreo, musulmano, buddista, indù, ateo, agnostico, qualcos'altro o niente in particolare? ' Questa misura è basata interamente sull'autoidentificazione: se dici di essere ebreo, ti classifichiamo come ebreo.

Ma non è la fine della storia. Per tutti coloro che nominano una particolare religione, seguiamo domande sulla specifica denominazione. Chiediamo anche ai cristiani se si considerano 'nati di nuovo' o evangelici. Chiediamo a tutti - non importa quello che hanno detto nella questione dell'affiliazione religiosa - quanto sia importante la religione nella loro vita, quanto spesso partecipano alle funzioni religiose e se credono in Dio o in uno spirito universale. A coloro che dicono di credere in Dio, chiediamo: “Quanto sei sicuro di questa fede? Sei assolutamente certo, abbastanza sicuro, non troppo sicuro o per niente certo? ' Nel Religious Knowledge Survey, come in molti dei nostri sondaggi, chiediamo anche agli intervistati il ​​loro punto di vista sulla Bibbia e sull'evoluzione. E chiediamo l'affiliazione religiosa del coniuge o del partner del convenuto, se presente.

Prese insieme, queste domande consentono alle persone di esprimere una ricca diversità di identità religiose. Non solo, ad esempio, ci sono ebrei che dicono di non credere in Dio, ma sappiamo da precedenti sondaggi che ci sono anche atei che si autodefiniscono che dicono di credere in Dio, agnostici che dicono di partecipare a servizi di culto ogni settimana, e molte altre combinazioni. Quando riportiamo i risultati di un sondaggio come il Religious Knowledge Survey, tuttavia, tendiamo ad attenerci ai gruppi più grandi e, seguendo buone pratiche di ricerca del sondaggio, non analizziamo e riportiamo separatamente i risultati per i gruppi che hanno numeri molto piccoli nel nostro campione.


Alan Cooperman, Direttore associato, Research, Pew Forum on Religion & Public Life



(Nota: quanto sai di religione? Fai il quiz sulla conoscenza religiosa per scoprirlo.)