Il matrimonio gay ottiene più accettazione

I sondaggi di quest'anno hanno rilevato che più americani preferiscono consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente rispetto allo scorso anno. In due sondaggi condotti negli ultimi mesi, sulla base di interviste con oltre 6.000 adulti, il 42% è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso mentre il 48% è contrario. Nei sondaggi condotti nel 2009, il 37% era favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente e il 54% era contrario. Per la prima volta in 15 anni di sondaggi del Pew Research Center, meno della metà si oppone al matrimonio tra persone dello stesso sesso.


Il cambiamento di opinione sul matrimonio tra persone dello stesso sesso è stato ampio e si è verificato in molti gruppi demografici, politici e religiosi.

In particolare, la pluralità dei protestanti bianchi e dei cattolici bianchi ora è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente - la prima volta che questo è accaduto nei sondaggi del Pew Research Center. Gli indipendenti politici sono divisi nelle loro opinioni sul matrimonio tra persone dello stesso sesso; nel 2009 si sono opposti con ampio margine.

I sondaggi condotti dal Pew Research Center for the People & the Press e dal Pew Forum on Religion & Public Life hanno rilevato che il matrimonio tra persone dello stesso sesso si colloca in fondo alla lista dei problemi nelle elezioni del Congresso di quest'anno. Non sorprende che molti più elettori affermino che l'economia e il lavoro saranno molto importanti per il loro voto quest'anno.

Il pubblico continua ad essere molto più favorevole ai gay e alle lesbiche che prestano servizio apertamente nell'esercito che a permettere i matrimoni omosessuali legali. Quest'anno, il 60% afferma di essere favorevole a consentire a gay e lesbiche di prestare servizio apertamente nell'esercito, mentre il 30% si oppone. Il sostegno ai gay che prestano servizio apertamente nell'esercito è rimasto abbastanza stabile negli ultimi cinque anni. Nel 1994, poco dopo che l'amministrazione Clinton ha implementato la politica 'Non chiedere, non dire', l'opinione è stata divisa in modo più equo (52% a favore contro il 45% contrario).


Divario generazionale persistente

Esistono differenze sostanziali di età e generazionali nelle opinioni sul matrimonio tra persone dello stesso sesso. I millennial, nati dopo il 1980, preferiscono consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente con un margine dal 53% al 39%. Il sostegno al matrimonio gay tra i Millennial è cambiato poco negli ultimi anni, ma è aumentato dal 2004, quando l'opinione era più divisa.



Tra i membri della generazione X (nati dal 1965 al 1980), il 48% ora è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente, mentre il 43% è contrario. Il sostegno è aumentato dal 2009, quando il 41% era favorevole a questo e il 50% si era opposto, ma è alla pari con i livelli del 2001.


C'è meno sostegno per il matrimonio tra persone dello stesso sesso tra i Baby Boomer - quelli nati dal 1946 al 1964 - rispetto ai gruppi di età più giovane. Attualmente, il 38% è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente, mentre il 52% è contrario. Tuttavia, il supporto tra i Baby Boomer è aumentato nell'ultimo anno (dal 32%).

La Silent Generation (nata dal 1928 al 1945) continua a opporsi al matrimonio tra persone dello stesso sesso; solo il 29% è favorevole a permettere a gay e lesbiche di sposarsi legalmente, mentre il 59% è contrario. Anche tra la generazione silenziosa, tuttavia, c'è un po 'più di sostegno rispetto al 2009 (23% di favore) e un sostegno sostanzialmente maggiore rispetto al 2003, quando solo il 17% sosteneva il matrimonio gay.


Differenze partigiane e ideologiche

Esistono anche differenze di parte sostanziali sulla questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. La maggioranza dei Democratici (53%) è favorevole a permettere a gay e lesbiche di sposarsi legalmente, mentre il 38% è contrario. Al contrario, solo il 24% dei repubblicani sostiene il matrimonio tra persone dello stesso sesso e il 69% è contrario.

Gli indipendenti e gli altri non partigiani sono ora divisi a loro avviso: il 44% è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente mentre il 43% è contrario. Nel 2009, più indipendenti si sono opposti al matrimonio tra persone dello stesso sesso di quanti lo abbiano favorito (37% a favore, 51% contrario). Nel corso dell'ultimo decennio, l'opinione degli indipendenti su questo tema ha seguito più da vicino i Democratici che i Repubblicani.

Tra Democratici e Repubblicani c'è una sostanziale divisione ideologica. I liberaldemocratici sono favorevoli a permettere a gay e lesbiche di sposarsi legalmente con un margine di oltre tre a uno (75% a favore, 20% contrario). E i repubblicani conservatori si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso con un margine altrettanto ampio (16% a favore, 77% contrario). Ma repubblicani e democratici moderati sono più divisi nelle loro opinioni. Mentre il 41% dei repubblicani moderati e liberali sostiene il matrimonio tra persone dello stesso sesso, il 51% è contrario. Allo stesso modo, il 41% dei democratici conservatori e moderati è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente e il 48% è contrario.

Differenze tra razza e genere

I bianchi sono ora equamente divisi sul matrimonio gay; nei sondaggi condotti quest'anno, il 44% dei bianchi non ispanici è favorevole a permettere a gay e lesbiche di sposarsi legalmente e il 46% è contrario. In tre sondaggi tra l'agosto 2008 e l'agosto 2009, il 39% dei bianchi non ispanici era favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso rispetto al 52% che era contrario.


Al contrario, i neri continuano a opporsi al matrimonio omosessuale con un ampio margine. Nel 2010, solo il 30% dei neri non ispanici è favorevole al matrimonio gay, mentre il 59% è contrario. Dal 2008 al 2009, il 28% dei neri è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso e il 62% si è opposto (i sondaggi sono stati combinati per aumentare la dimensione del campione). In particolare, le differenze di genere, età e istruzione tra il pubblico in generale si rispecchiano tra bianchi e neri; tuttavia, c'è molto meno supporto tra tutti i sottogruppi di neri.

Nel complesso, le donne continuano ad essere più favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso rispetto agli uomini. L'opinione delle donne è equamente divisa: il 46% è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso e il 45% è contrario. Circa quattro uomini su dieci (38%) sostengono che i gay e le lesbiche si sposino legalmente, mentre il 51% è contrario.

La maggioranza (52%) dei laureati è favorevole a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente. Il sostegno è molto più basso tra coloro che non hanno una laurea: il 46% con un'istruzione universitaria e il 34% con un'istruzione superiore o meno sostiene il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Ma tra questi due gruppi educativi, più ora sono favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso di quanto lo abbiano fatto negli ultimi due anni.

Gli americani che vivono nel Midwest sono ora equamente divisi sul matrimonio tra persone dello stesso sesso; Il 44% è favorevole e il 44% si oppone a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente. L'opinione è cambiata sostanzialmente dal 2008 al 2009, quando solo il 36% nel Midwest era favorevole a questo e il 54% si era opposto. Il sostegno è in aumento anche al Sud, ma la maggioranza (55%) continua a opporsi all'ammissione al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Come è avvenuto negli ultimi due anni, più nel Nordest preferiscono che si oppongono a che gay e lesbiche si sposino legalmente (49% contro 41%). Coloro che vivono in Occidente sono quasi equamente divisi secondo loro (47% a favore, 45% contrario).

Per ulteriori informazioni su questi confronti e altri, nonché sui dati per il 1996, vedere le tabelle dettagliate su pewresearch.org/politics.

Cattolici bianchi più solidali

I protestanti bianchi principali e i cattolici bianchi sono diventati più favorevoli al matrimonio gay, sebbene praticamente tutti i cambiamenti di opinione tra entrambi i gruppi siano avvenuti tra coloro che frequentano le funzioni relativamente raramente.

Circa la metà (49%) dei protestanti principali bianchi sostiene il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre il 38% si oppone. Questo è un capovolgimento di opinione rispetto agli ultimi due anni, quando il 40% era favorevole e il 49% si opponeva a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente. Solo il 35% dei protestanti bianchi della linea principale che frequentano la chiesa almeno una volta alla settimana sono favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso, quasi la stessa percentuale del 2008-2009 (34%). Tra coloro che frequentano i servizi meno spesso, il sostegno è aumentato di 11 punti (dal 42% al 53%).

C'è stato un cambiamento simile tra i cattolici bianchi: il 49% ora è favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre il 41% è contrario. Le opinioni sono state divise in modo più equo negli ultimi due anni (44% a favore, 45% contrario). Anche qui il sostegno è aumentato tra coloro che frequentano i servizi meno che settimanalmente, dal 51% nel 2008-2009 al 59% nel 2010.

I protestanti evangelici bianchi si oppongono in modo schiacciante al matrimonio gay (20% di favore contro il 74% di opposizione), e queste opinioni sono cambiate poco dal 2008-2009. Allo stesso modo, i protestanti neri continuano ad opporsi al matrimonio gay con un ampio margine (28% a favore contro il 62% contrario).

Al contrario, ebrei e non affiliati sono rimasti molto più favorevoli al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Anche le loro opinioni sono cambiate poco durante questo periodo. Tre quarti degli ebrei (76%) e il 62% dei non affiliati a religione affermano di essere favorevoli a consentire a gay e lesbiche di sposarsi legalmente.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso e il voto del 2010

L'economia e il lavoro mettono in ombra altre questioni, comprese le questioni sociali come l'aborto e il matrimonio gay, importanti per gli elettori. Il 90% degli elettori registrati afferma che l'economia sarà molto importante per il loro voto, mentre quasi altrettanti (88%) considerano i lavori come molto importanti.

Al contrario, solo il 43% afferma che l'aborto sarà molto importante e solo il 32% afferma lo stesso del matrimonio tra persone dello stesso sesso, la percentuale più bassa per 13 problemi testati. Gli oppositori al matrimonio tra persone dello stesso sesso (44% molto importante) sono più propensi dei sostenitori (22%) a dire che questa questione sarà molto importante per il loro voto.

Gli elettori protestanti evangelici bianchi sono molto più propensi di qualsiasi altro gruppo religioso a dire che il matrimonio tra persone dello stesso sesso è molto importante per il loro voto nelle elezioni di medio termine di quest'anno - il 46% lo dice rispetto a meno di un terzo in tutti gli altri gruppi religiosi. Per ulteriori informazioni sull'importanza di varie questioni nelle elezioni del 2010 e sull'impatto della religione su varie questioni, vedere 'Feww Say Religion Shapes Immigration, Environment Views: Religion and the Issues'.

Gay nell'esercito

Con un margine di due a uno (60% di favore, 30% di opposizione), gli americani preferiscono consentire a gay e lesbiche di prestare servizio apertamente nell'esercito. Sebbene le opinioni su questo tema siano cambiate poco negli ultimi anni, c'è stato meno sostegno per i gay che prestano servizio apertamente nel 1994 (52% a favore contro il 45% contrario).

Nella maggior parte dei gruppi demografici, le maggioranze preferiscono consentire a gay e lesbiche di servire apertamente nell'esercito - e nella maggior parte dei gruppi c'è più sostegno rispetto al 1994. Tuttavia, come per il matrimonio tra persone dello stesso sesso, ci sono differenze di opinione tra politiche e demografiche gruppi. Democratici, donne, bianchi, giovani e laureati hanno maggiori probabilità di sostenere gay e lesbiche che servono apertamente nell'esercito.

L'opinione è più divisa tra i gruppi chiave che si oppongono anche al matrimonio tra persone dello stesso sesso: il 47% dei repubblicani è favorevole a permettere a gay e lesbiche di prestare servizio apertamente nell'esercito mentre il 43% è contrario. In confronto, il 67% dei Democratici e il 63% degli indipendenti lo favoriscono.

Mentre il 43% dei protestanti evangelici bianchi sostiene che gay e lesbiche servano apertamente nell'esercito, il 47% è contrario. I protestanti neri sono divisi in modo simile (46% a favore, 41% contrario). Il sostegno è maggiore tra gli altri gruppi religiosi: il 68% dei protestanti bianchi della linea principale, il 68% dei cattolici e il 66% dei favorevoli religiosi non affiliati che consentono a gay e lesbiche di prestare servizio apertamente nell'esercito. E molte meno persone che frequentano le funzioni religiose settimanalmente o più sostengono i gay che prestano servizio apertamente nell'esercito rispetto a coloro che partecipano meno spesso.

Visualizza la topline e la metodologia del sondaggio su pewresearch.org/politics.

E per ulteriori ricerche su questi argomenti, vedere i seguenti rapporti del Pew Research Center:

'Pochi dicono che la religione modella l'immigrazione, le opinioni sull'ambiente', 17 settembre 2010, Pew Research Center for the People & the Press and Pew Forum on Religion & Public Life.

'Gli americani passano più tempo a seguire le notizie', 12 settembre 2010, Pew Research Center for the People & the Press. Questo rapporto include un'analisi di dove i sostenitori dei diritti dei gay e gli oppositori ricevono regolarmente notizie.

'A Contentious Debate: Same-Sex Marriage in the U.S.', 9 luglio 2009, Pew Forum on Religion & Public Life.

'Quattro americani su dieci hanno amici stretti o parenti gay', commento del 23 maggio 2007 del Pew Research Center for the People & the Press.