Grafico della settimana: i siti web più famosi al mondo

most_popular_websites

I motori di ricerca ei social network governano il mondo online praticamente ovunque guardi. Ma mentre Google e Facebook dominano nella maggior parte del mondo, diversi paesi, in particolare Cina, Russia e paesi vicini, hanno resistito alla loro egemonia.


Questa mappa, sviluppata da due ricercatori dell'Oxford Internet Institute, utilizza i dati sul traffico Internet di Alexa per determinare il sito web più visitato di ogni paese; ogni paese viene ridimensionato per riflettere il numero di utenti Internet di cui dispone. Google è stato il sito più visitato in gran parte del Nord America, Europa, Asia meridionale e Australasia, mentre Facebook predomina nelle parti di lingua spagnola dell'America, del Medio Oriente e del Nord Africa.

Ma al di là di questi due giganti di Internet, altre società - spesso con l'aiuto palese o implicito dei loro governi nazionali - si sono ritagliate i propri bastioni. Baidu è il motore di ricerca più utilizzato non solo nel suo paese d'origine, la Cina, ma a quanto pare anche in Corea del Sud (anche se i ricercatori di Oxford esprimono un certo scetticismo al riguardo). Yahoo! Il Giappone guida in quel paese; Yahoo! è anche il sito più visitato di Taiwan (sebbene all'inizio di quest'anno abbia annunciato che chiuderà il sito di blogging taiwanese Wretch acquistato sei anni fa).

Yandex è il sito più visitato in Russia, con circa tre quinti del traffico di ricerca di quel paese. Il servizio di social networking VK (precedentemente noto come VKontakte) è particolarmente popolare tra i russofoni ed è il sito leader in Bielorussia; servizio di posta elettronica Mail.ru è il leader in Kazakistan.

Tuttavia, la copertura di Google è persino maggiore di quella mostrata sulla mappa. Come notano i ricercatori di Oxford, tra i 50 paesi in cui Facebook è elencato come il sito più visitato, Google è il secondo più visitato in 36; i restanti 14 paesi elencano YouTube, che Google possiede dal 2006.


(Un ringraziamento speciale al blog di visualizzazione dei dati FlowingData, dove abbiamo visto per la prima volta questa mappa.)