• Principale
  • Notizia
  • Grafico della settimana: il declino dello yiddish, l'ascesa del tagalog

Grafico della settimana: il declino dello yiddish, l'ascesa del tagalog

Grafico delle lingue parlate negli Stati Uniti nel tempo


Gli Stati Uniti sono stati un paese poliglotta da prima che fossero un paese. Già nel 1646, sull'isola di Manhattan si parlavano non meno di 18 lingue. Il tedesco era comune nella Pennsylvania dell'era coloniale. La comunità olandese di New York mantenne la propria lingua molto tempo dopo la conquista inglese di quella che era stata New Amsterdam. E gli schiavi africani parlavano dozzine di lingue e dialetti nativi. Ma la continua diversità linguistica della nazione è in continua evoluzione e può ancora suscitare polemiche, come ha scoperto Coca-Cola con il suo recente annuncio del Super Bowl.

I grafici delle lingue, come questo del censimento degli Stati Uniti, riflettono i dati demografici in evoluzione della nazione. Lo spagnolo è prevalentemente la lingua non inglese più comune, come lo è stata da quando il Census Bureau ha avviato indagini linguistiche dettagliate negli anni '70. Secondo l'American Community Survey del 2011, quasi il 13% della popolazione (37,6 milioni di persone) parlava spagnolo o un creolo spagnolo a casa. Oltre a ciò, tuttavia, il grafico illustra la composizione in evoluzione della popolazione statunitense.

Nel 1980, ad esempio, solo circa 630.000 persone parlavano cinese a casa; nel 2001 quasi 2,9 milioni lo fecero. Il numero di parlanti tagalog è più che triplicato in quel periodo, arrivando a circa 1,6 milioni. Al contrario, le lingue parlate dai gruppi di immigrati più anziani continuano a diminuire. Nel 2011, ad esempio, solo circa 161.000 persone hanno riferito di parlare yiddish a casa, circa la metà rispetto al 1980. Si noti che poiché il grafico mostra solo le lingue per le quali erano disponibili dati comparabili per tutti i periodi di tempo, altre lingue ampiamente parlate come l'arabo (952.000 parlanti nel 2011), hindi (645.000) e urdu (374.000) non vengono visualizzati.

Come ci si potrebbe aspettare, la prevalenza della lingua varia notevolmente in base alla geografia. Chicago, ad esempio, conserva una concentrazione di parlanti polacchi, mentre l'arabo è la lingua predominante (oltre all'inglese e allo spagnolo) nell'area di Detroit.