• Principale
  • Notizia
  • Grafico della settimana: come il Sudafrica è cambiato e non è cambiato nel corso della vita di Mandela

Grafico della settimana: come il Sudafrica è cambiato e non è cambiato nel corso della vita di Mandela

mandela_southafrica

Nel corso dei 95 anni di Nelson Mandela, il Sudafrica si è evoluto da un dominio britannico governato dai bianchi a una repubblica rappresentativa della sua popolazione a maggioranza nera. Ma mentre il paese è cambiato politicamente e demograficamente, economicamente sembra ancora come quasi un secolo fa, diviso in base a linee razziali.


Questa infografica di The Economist mostra come le disparità economiche tra i principali gruppi razziali del Sud Africa (misurate in reddito pro capite reale) siano cresciute nel tempo. Il divario tra i bianchi e tutti gli altri gruppi crebbe fino al 1970 circa; la crescita del reddito dei bianchi si è appiattita negli anni '70 e '80, poiché le sanzioni hanno zoppicato l'economia del paese. Ma quando le sanzioni sono state revocate dopo il crollo del regime dell'apartheid, i bianchi e gli asiatici (per lo più di origine indiana) hanno beneficiato di più, mentre i redditi dei neri sono rimasti pressoché invariati.

Nota: dati in Rand sudafricano. Tasso di cambio attuale: $ 1 US = 10,35 rand. Fonte: Statistics South Africa

Secondo il censimento del Sud Africa del 2011, il reddito familiare medio annuo per i neri era di 60.613 rand (circa $ 8.700 al tasso di cambio corrente), circa un sesto del reddito medio annuo tra le famiglie bianche e un quarto di quello delle famiglie asiatiche. Le famiglie di razza mista (o 'di colore' nel gergo sudafricano) avevano un reddito medio circa il doppio di quello dei neri. (Si noti che queste cifre sono espresse in dollari correnti e quindi non sono direttamente confrontabili con quelle corrette per l'inflazione nel grafico dell'Economist.)

L'altra tendenza che il grafico dell'Economist chiarisce è quanto più velocemente la popolazione nera del Sud Africa stia crescendo rispetto ad altri gruppi razziali. I neri rappresentavano il 79,2% dei 51,8 milioni di persone del paese, secondo il censimento del 2011, rispetto al 77,4% del 1996; i bianchi erano l'8,9% della popolazione, in calo rispetto all'11% nel 1996 (le quote di popolazione di razza mista e asiatici sono rimaste abbastanza costanti).