• Principale
  • Notizia
  • Tasso di natalità per le donne non sposate in calo per la prima volta da decenni

Tasso di natalità per le donne non sposate in calo per la prima volta da decenni

Tassi di fertilitàPer la prima volta da decenni, il tasso di natalità non coniugale negli Stati Uniti è in calo, secondo un nuovo rapporto del National Center for Health Statistics. Il tasso ha raggiunto il picco nel 2008 a circa 52 bambini per 1000 donne non sposate in età fertile, prima di scendere a 45 nascite nel 2013. Come il calo della fertilità generale che si è verificato dal 2007, è abbastanza probabile che questo recente calo del tasso di natalità non coniugale si è verificato anche a seguito della recessione economica del 2007-2009.


Il tasso di natalità non coniugale continuerà a diminuire mentre l'economia si riprende lentamente? È difficile saperlo, ma molti esperti ritengono che la fertilità complessiva riprenderà con il miglioramento dell'economia, come è avvenuto con le recessioni passate - e in effetti, il forte calo della fertilità che si è verificato durante la recessione ha già iniziato a stabilizzarsi, e sembra come se i tassi di natalità non coniugali potessero seguire lo stesso corso.

Come si confrontano gli Stati Uniti con i loro vicini europei in termini di quota di nascite che avvengono al di fuori del matrimonio? Nel complesso, i profili sono abbastanza simili. Nel 2011, il 39% delle nascite nell'Unione europea sono state nascite non coniugali e negli Stati Uniti tale quota è del 41%.

Confronto dei tassi di natalità non coniugali negli Stati Uniti e in EuropaSebbene le medie siano simili negli Stati Uniti e in Europa, la prevalenza della gravidanza non coniugale varia notevolmente nei 28 Stati membri dell'UE.

Da un lato, un certo numero di paesi situati principalmente nel nord dell'Europa riferiscono percentuali relativamente elevate di nascite non coniugali. In effetti, più della metà di tutte le nascite in Norvegia, Svezia, Belgio e Danimarca ora avvengono al di fuori del matrimonio.


All'altra estremità dello spettro, Cipro, Croazia, Macedonia, Grecia e Turchia riferiscono ciascuna che meno del 20% delle nascite avviene al di fuori del matrimonio, con il tasso più basso - 3% - che si verifica in Turchia. Come negli Stati Uniti, poco più del 40% delle nascite in Finlandia, Austria e Repubblica Ceca avviene al di fuori del matrimonio.



Se confrontati con i paesi di tutto il mondo in termini di fertilità non coniugale, gli Stati Uniti sono ancora vicini alla metà, secondo un'analisi dei dati delle Nazioni Unite del Pew Research Center: Bahrain, Qatar e Kuwait riferiscono che meno dell'1% delle nascite deve le donne non sposate, mentre dall'altra parte dello spettro, la Guyana francese riferisce che l'87% di tutte le nascite avviene al di fuori del matrimonio.


Mentre la nascita non coniugaleVotanegli Stati Uniti è in calo negli ultimi anni, ilCondivideredelle nascite di donne non sposate si è mantenuta stabile nel breve termine ed è aumentata notevolmente nel lungo periodo. Nel 1960, circa il 5% di tutte le nascite avveniva da madri non sposate. Quel numero è salito all'11% nel 1970 e nel 1990 era salito al 28%. Nel 2000, la quota di nascite da madri non sposate era del 33% e dal 2008 è rimasta al 41%.

L'aumento a lungo termine della quota di nascite di donne non sposate è stato causato principalmente da due fattori: 1) aumenti complessivi della probabilità che una donna non sposata abbia un bambino - il 'tasso di natalità non coniugale' - e 2) aumenti di la quota di donne non sposate. Le analisi del Pew Research Center rivelano che mentre nel 1960 il 72% di tutti gli adulti era sposato, nel 2010 quella quota era solo del 51% circa. Il fatto che i tassi di natalità all'interno del matrimonio siano diminuiti ha anche contribuito all'aumento a lungo termine della quota di nascite non coniugali.


È importante tenere presente che solo perché una donna ha un parto non coniugale, ciò non significa necessariamente che la madre 'proceda da sola'. Ad esempio, negli Stati Uniti, più della metà delle nascite che avvengono al di fuori del matrimonio sono per donne che convivono.

Sebbene la maggioranza degli americani affermi che la quota crescente di nascite non coniugali negli ultimi decenni è 'un cambiamento in peggio', questo atteggiamento potrebbe cambiare e più americani che mai affermano che avere un figlio al di fuori del matrimonio è moralmente accettabile.

Un sondaggio Pew Research del 2011 ha rilevato che il 64% degli adulti afferma che più persone che hanno figli senza sposarsi è un cambiamento in peggio, mentre il 29% pensa che non abbia fatto molta differenza e solo il 4% afferma che è un cambiamento in meglio. Ma c'è un forte divario generazionale con i Millennial (dai 18 ai 30 anni nel 2011) che sono più propensi a dire che non fa differenza rispetto alle generazioni precedenti.

Gallup ha scoperto quest'anno che il 58% degli adulti americani afferma che avere un bambino al di fuori del matrimonio è moralmente accettabile - un cambiamento notevole rispetto al 2002, quando meno della metà ha detto la stessa cosa. L'accettazione è rimasta stabile intorno al 60% negli ultimi due anni.