• Principale
  • Notizia
  • Tra i neolaureati, il tasso di iscrizione all'università ispanica supera quello dei bianchi

Tra i neolaureati, il tasso di iscrizione all'università ispanica supera quello dei bianchi

Un nuovo rapporto dell'Ufficio censimento degli Stati Uniti mostra che dopo diversi anni di guadagni, le iscrizioni al college negli Stati Uniti sono diminuite tra il 2011 e il 2012. Ma per un gruppo-ispanici-le iscrizioni al college sono aumentate, riflettendo la crescita della popolazione ispanica insieme a una quota crescente di giovani latini preparati Per il college. I nuovi dati del Census Bureau mostrano anche che gli studenti ispanici hanno raggiunto altri traguardi nel 2012, continuando le recenti tendenze al rialzo del livello di istruzione e della frequenza all'università.


FT-ispanico-iscrizione-01 1. Per la prima volta, una quota maggiore di neolaureati ispanici è iscritto all'università rispetto ai bianchi.I tassi di iscrizione all'università tra gli ispanici di età compresa tra i 18 ei 24 anni che avevano completato il liceo hanno continuato la loro marcia verso l'alto nel 2012. Secondo il Census Bureau, il 49% dei giovani diplomati ispanici erano iscritti al college. In confronto, il 47% dei diplomati bianchi non ispanici era iscritto al college. Questi risultati riflettono quelli di un rapporto del May Pew Research Center che mostrava la quota di diplomati delle scuole superiori ispaniche iscritti al college immediatamente dopo che la scuola superiore aveva superato i bianchi nel 2012.

Sebbene la percentuale di neolaureati ispanici iscritti all'università abbia superato quella dei bianchi, lo stesso non è vero tra tutti i giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni. Poiché gli ispanici hanno un tasso di abbandono scolastico superiore rispetto ai bianchi, la quota di tutti gli ispanici di età Tra i 18 ei 24 anni al college è in ritardo rispetto ai bianchi: il 37,5% tra gli ispanici rispetto al 42,1% tra i bianchi.

FT-iscrizione-ispanica-02 2. Il tasso di abbandono scolastico ispanico continua a diminuire.La percentuale di ispanici di età compresa tra i 18 ei 24 anni che non hanno completato la scuola superiore e non erano iscritti a scuola è scesa al minimo storico del 15% nel 2012. Questo era meno della metà del tasso del 32% nel 2000. Nel complesso, il tasso di abbandono ispanico sta diminuendo più rapidamente di qualsiasi altro gruppo razziale o etnico, con il risultato di colmare il divario tra ispanici e neri, bianchi non ispanici e asiatici. Complessivamente, l'8% di tutti i giovani adulti di età compresa tra i 18 ei 24 anni non aveva completato la scuola superiore e non era iscritto a scuola.

3. Il numero di ispanici di età compresa tra 18 e 24 anni iscritti all'università è aumentato di 324.000 studenti tra il 2011 e il 2012, segnando il terzo anno consecutivo di aumenti.Il numero di ispanici di età compresa tra i 18 ei 24 anni iscritti al college ha raggiunto un nuovo massimo, 2,4 milioni, ed è in aumento dal 2009. Al contrario, il numero di non ispanici iscritti al college è diminuito tra il 2011 e il 2012. Complessivamente , Gli ispanici costituiscono il 19% di tutti gli studenti universitari di età compresa tra 18 e 24 anni, rispetto al 12% del 2008.


FT-iscrizione-ispanica-03 4. Gli ispanici ora costituiscono un quarto di tutti gli studenti delle scuole pubbliche, una nuova pietra miliare demografica.Secondo il Census Bureau, uno su quattro studenti delle scuole pubbliche a livello nazionale nell'ottobre 2012 era ispanico. La quota ispanica varia a seconda dei diversi livelli scolastici. Ad esempio, tra gli studenti delle scuole materne pubbliche, la quota ispanica si è attestata al 29%; tra gli studenti delle scuole materne delle scuole pubbliche, il 27% sono ispanici; e tra gli studenti delle scuole elementari, il 25% sono ispanici. Solo tra gli studenti delle scuole superiori pubbliche la quota ispanica (23%) è inferiore a un quarto.



Nonostante questi recenti traguardi, i latini continuano a restare indietro rispetto ad altri gruppi quando si tratta di conseguire una laurea. Nel 2012, il 14,5% dei latini di età pari o superiore a 25 anni ne aveva guadagnato uno. Al contrario, il 51% degli asiatici, il 34,5% dei bianchi e il 21,2% dei neri hanno conseguito una laurea. Gli studenti universitari ispanici hanno anche meno probabilità dei bianchi di iscriversi a un college quadriennale, frequentare un college selettivo e iscriversi a tempo pieno.


Anche così, l'istruzione è importante per gli ispanici. Oggi, una quota record di giovani ispanici è preparata per il college, gli elettori latini affermano che l'istruzione è una questione fondamentale e i latini sono più propensi del pubblico a dire che un diploma universitario è la chiave del successo nella vita.