• Principale
  • Notizia
  • Uno svantaggio di un'economia al rialzo? I tassi di mortalità aumentano in tempi migliori

Uno svantaggio di un'economia al rialzo? I tassi di mortalità aumentano in tempi migliori

Non vedi l'ora che il prossimo boom economico porti tutte le barche, inclusa la tua, a maggiori altezze finanziarie? Fai attenzione a ciò che desideri: una buona economia può uccidere, secondo un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dei Paesi Bassi.


'Nei paesi sviluppati, i tassi di mortalità aumentano durante i cicli al rialzo dell'economia e diminuiscono durante i cicli al ribasso', ha scritto Herbert J. A. Rolden, ricercatore presso l'Accademia di Leida sulla vitalità e l'invecchiamento. L'Accademia è un istituto di ricerca affiliato all'Università di Leida e al suo centro medico ed è supportata, in parte, da società private legate alla salute e non-profit nei Paesi Bassi.

A sostegno della loro affermazione, Rolden ei suoi colleghi hanno analizzato i cambiamenti ciclici nell'economia e i tassi di mortalità in 19 paesi sviluppati, inclusi Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Giappone. Per cogliere appieno questi cambiamenti su un periodo di tempo prolungato, hanno raccolto dati annuali sui cicli economici e sui tassi di mortalità tra il 1950 e il 2008.

Nel complesso, hanno scoperto che per ogni aumento dell'1% del prodotto interno lordo (PIL), il tasso di mortalità per gli uomini di età compresa tra 70 e 74 anni è aumentato di circa un terzo di punto percentuale (0,36%). L'aumento è stato altrettanto grande per gli uomini di età compresa tra 40 e 44 anni (0,38%).

L'effetto era simile per le donne, sebbene più piccolo. Il tasso di mortalità per le donne di età compresa tra 70 e 74 anni è aumentato dello 0,18% per ogni aumento dell'1% del prodotto interno lordo e dello 0,15% tra le donne di mezza età.


Hanno scoperto che le persone vivono più a lungo negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati. Ciò significa che questi cambiamenti dovuti al ciclo economico esaminato in questo studio rappresentano spostamenti positivi e negativi a breve termine relativamente piccoli da questa tendenza al rialzo a lungo termine.



Studi precedenti hanno cercato di spiegare la connessione controintuitiva tra un'economia in crescita e l'aumento del tasso di mortalità. La maggior parte lo collegava a cambiamenti nello stile di vita o nel comportamento legati all'occupazione. Ad esempio, uno studio accademico dal titolo evocativo `` I bei tempi ti fanno ammalare '' ha riferito che durante i periodi di minore disoccupazione più persone hanno più soldi da spendere, e troppe di loro apparentemente li spendono in cose come cibi da ingrasso e sigarette. Di conseguenza, i tassi di fumo e l'obesità aumentano durante le espansioni economiche e, suggerisce, anche il tasso di mortalità.


Ma Rolden ha notato che il cattivo comportamento correlato a fattori economici non spiega perché, in tempi buoni, i tassi di mortalità aumentano praticamente della stessa quantità tra gli adulti in età pensionabile e quelli nel mezzo della loro vita lavorativa. Inoltre, la maggior parte dei cambiamenti nello stile di vita richiede anni per avere un impatto sulla salute di un individuo.

Allora cosa spiega il legame tra l'aumento dei tassi di mortalità durante i periodi di congiuntura favorevole tra gli adulti di tutte le età? 'I meccanismi alla base dell'associazione rimangono in gran parte sconosciuti', hanno scritto Rolden e i suoi colleghi.


Come ogni buon mistero, la storia raccontata da questi ricercatori ha molti sospetti intriganti. Includono membri della famiglia con meno tempo da trascorrere con parenti anziani, aumenti dell'inquinamento atmosferico che si sa si verificano durante le espansioni economiche o qualche fattore X non ancora scoperto dagli scienziati sociali.

'Finora, le spiegazioni più plausibili sono state legate al lavoro, ma queste non possono spiegare le associazioni simili che abbiamo riscontrato tra gli anziani. Livelli più elevati di inquinamento atmosferico e livelli più bassi di assistenza informale e supporto sociale durante i periodi economici favorevoli potrebbero essere i principali contributi all'associazione, ma le prove sull'esistenza di tali dinamiche sono scarse ', hanno concluso.

Tuttavia, i ricercatori riconoscono anche che alcuni ricercatori interpretano questi dati in modo diverso. Ad esempio, potrebbe effettivamente essere che tassi di mortalità più elevati stiano guidando la ripresa dei cicli economici. Scrivono: 'Se i tassi di mortalità della popolazione non lavorativa aumentano rispetto a quelli della popolazione attiva, le cifre medie della produttività del lavoro pro capite aumenteranno, aumentando le cifre pro capite del PIL'.

Informazioni sui ricercatori: Rolden è specializzato in economia dell'assistenza agli anziani. È uno studente di dottorato presso la Leyden Academy on Vitality and Aging a Leiden, Paesi Bassi. Lo studio è stato co-autore di due docenti dell'Università di Leiden, Wilbert B. van den Hout, un economista della salute, e Rudi G. J. Westendorp, un professore di medicina. David van Bodegom, un medico e ricercatore sanitario che è attualmente uno studente laureato presso l'accademia, faceva parte anche del team di ricerca.