7 fatti sulla migrazione nel mondo

Schermata 29 agosto 2014 alle 11.51.37

Da quando gli esseri umani hanno lasciato l'Africa 60.000 anni fa, hanno migrato in gran numero in tutto il pianeta e l'avvento dei confini internazionali non ha certo fermato la migrazione globale. Sebbene la percentuale di persone nel mondo che vivono al di fuori dei loro paesi di nascita sia rimasta stabile negli ultimi decenni, l'aumento della popolazione mondiale significa che il numero di migranti internazionali non è mai stato così alto.


Questa mappa interattiva, che utilizza i dati della Divisione Popolazione delle Nazioni Unite, consente di visualizzare il numero totale di persone che vivono al di fuori del proprio paese di nascita. Mostra anche i migranti in entrambe le direzioni: come emigranti, che hanno lasciato il loro paese di origine, o come immigrati, che sono entrati in un paese di destinazione. L'ONU definisce un migrante internazionale come una persona che vive da un anno o più in un paese diverso da quello in cui è nato.

Ecco sette interessanti modelli di migrazione globale che abbiamo trovato utilizzando la mappa.

11Il Regno Unito ospita la più diversificata comunità di immigrati al mondo.Si diceva che il sole non tramontasse mai sull'impero britannico. Ora, le persone dei molti paesi in cui un tempo governavano gli inglesi vivono all'interno dei confini del Regno Unito. Basato sull'indice di Herfindahl-Hirschman - ampiamente utilizzato da biologi, ecologi, linguisti, economisti, sociologi e demografi per misurare il grado di concentrazione delle popolazioni umane o biologiche - la diversità dei paesi di nascita di immigrati nel Regno Unito da 0 a 100 la scala è 97. Per gli immigrati che vivono negli Stati Uniti, è 91.

22Ai francesi piace vivere in tutto il mondo: gli emigranti francesi vivono in più paesi rispetto agli emigranti di qualsiasi altra nazione. Utilizzando l'indice di Herfindahl, la diversità di destinazione degli emigranti nati in Francia è di 95 su una scala da 0 a 100. È 89 per le persone nate in America che vivono al di fuori degli Stati UnitiCi sono almeno 1.000 persone nate in Francia che vivono in ciascuno degli 83 diversi paesi e territori; le destinazioni più gettonate sono la Spagna (220.000) e gli Stati Uniti (180.000).


33Dal Messico agli Stati Uniti. link è il percorso di migrazione bilaterale più popolare al mondo. A partire dal 2013,più immigrati messicani (13 milioni) vivevano negli Stati Uniti di tutti gli immigrati in Russia messi insieme (11 milioni). La Russia ha il secondo numero totale di residenti nati all'estero, dopo gli Stati Uniti, che hanno una popolazione totale nata all'estero di circa 46 milioni.



44Il numero di persone nate in India che vivono al di fuori dell'India e il numero di persone nate in Cina che vivono fuori dalla Cina sono raddoppiati tra il 1990 e il 2013 -per l'India, da 7 milioni a 14 milioni, e per la Cina, da 4 milioni a 9 milioni. L'India ha il maggior numero di persone che vivono al di fuori dei suoi confini, superando nel 2013 il Messico, l'ex leader. (Russia e Cina sono rispettivamente al terzo e quarto posto). Gli Emirati Arabi Uniti (2,9 milioni) e gli Stati Uniti (2,1 milioni) hanno il maggior numero di migranti indiani, mentre Hong Kong (2,3 milioni) e gli Stati Uniti (2,2 milioni) sono i le migliori destinazioni per i migranti cinesi.


55Il numero di immigrati che vivono in Spagna è cresciuto di quasi otto volte tra il 1990 e il 2013,da meno di 1 milione a più di 6 milioni. L'economia spagnola era in forte espansione prima della recessione globale, attirando migranti da Europa, America Latina, Nord Africa e altrove. La struttura economica, le leggi sull'immigrazione e i dati demografici della Spagna si combinano per creare un punto di approdo attraente per i potenziali immigrati.

66Gli Emirati Arabi Uniti hanno la quota più alta di persone nate all'estero (84% della sua popolazione).I successivi tre più alti - Qatar (74%), Kuwait (60%) e Bahrain (55%) - si trovano anche nell'area del Golfo Persico. Gli immigrati negli Emirati Arabi Uniti e nei paesi limitrofi provengono da molti luoghi diversi, ma il maggior numero proviene da India, Bangladesh e Pakistan. La popolazione nata all'estero è cresciuta di quasi il 500% negli ultimi decenni, da 1,3 milioni nel 1990 a 7,8 milioni nel 2013.


7I paesi con le minori risorse inviano quote inferiori di migranti.Sebbene la migrazione internazionale sia intrinsecamente legata alla ricerca di lavoro, le persone nei paesi più poveri potrebbero non avere i soldi per finanziare un viaggio. La Repubblica Centrafricana, la Repubblica Democratica del Congo e il Niger - paesi con alcuni dei più bassi indici di sviluppo umano delle Nazioni Unite e PIL pro capite - hanno tutti meno del 3% della popolazione che vive al di fuori dei propri confini.