• Principale
  • Notizia
  • 5 domande sul caso Hobby Lobby e sulla copertura dei contraccettivi

5 domande sul caso Hobby Lobby e sulla copertura dei contraccettivi

Hobby Lobby è attore in un caso dinanzi alla Corte Suprema che contesta la legge sull

La Corte Suprema ascolterà martedì gli argomenti in due casi correlati che comportano una sfida ai regolamenti nell'Affordable Care Act che richiede a molti datori di lavoro di includere la copertura gratuita dei servizi contraccettivi nei piani di assicurazione sanitaria dei loro dipendenti. Questi casi -Sebelius v. Hobby Lobby StoreS,Inc. eConestoga Wood Specialties Corp. contro Sebelius- non deve essere confuso con le contestazioni del tribunale al mandato contraccettivo da parte di organizzazioni non profit religiosamente affiliate, che potrebbero anche essere presto esaminate dalla Corte Suprema.


Ecco cinque domande che spiegano di cosa trattano questi casi e perché sono importanti:

Come sono nati i casi?

I proprietari di entrambe le società sono cristiani devoti che si oppongono all'aborto e non vogliono fornire ai propri dipendenti la contraccezione d'emergenza perché credono che tali metodi spesso distruggano gli embrioni. L'Affordable Care Act esenta le chiese e fornisce alle organizzazioni non profit religiosamente affiliate, come ospedali e enti di beneficenza, un meccanismo alternativo per garantire che i loro dipendenti siano coperti. Ma questi accordi non si estendono ai datori di lavoro a scopo di lucro che possono anche avere obiezioni religiose al controllo delle nascite artificiale. I proprietari di un certo numero di queste attività hanno citato in giudizio il governo federale, sostenendo che il Religious Freedom Restoration Act (RFRA) autorizza loro a essere esentati dal mandato.

Cos'è RFRA e perché è così importante?

RFRA è stata approvata dal Congresso nel 1993 in risposta a una decisione della Corte Suprema del 1990,Divisione per l'occupazione contro Smith, che ha reso più difficile per individui e gruppi ottenere esenzioni da leggi e azioni governative che possono gravare sulla pratica religiosa. Prima della decisione, il governo doveva dimostrare di avere un 'interesse irresistibile' (ad esempio proteggere la sicurezza pubblica) nell'applicazione di una legge che gravava sulla pratica religiosa di qualcuno. DopoFabbro,il governo doveva solo dimostrare di avere un 'interesse legittimo' che è uno standard molto meno rigoroso. Il 6-3fabbroLa decisione ha suscitato proteste da parte di gruppi religiosi e altri, che hanno affermato che la sentenza avrebbe essenzialmente sventrato le protezioni della libertà religiosa contenute nel Primo Emendamento. Il Congresso ha risposto approvando RFRA, che ha ripristinato il più duro, pre-fabbro'(interesse irresistibile') standard nei casi in cui i diritti religiosi di qualcuno sono stati 'sostanzialmente gravati'. Ma mentre la RFRA si applica a gruppi religiosi e individui, non è chiaro se le sue protezioni si estendano alle attività a scopo di lucro.

Quali argomenti fanno Hobby Lobby e Conestoga?

Le aziende affermano che RFRA protegge la libertà religiosa delle imprese a scopo di lucro. Per cominciare, dicono, il Congresso non ha escluso esplicitamente le imprese dalla copertura quando ha approvato l'RFRA nel 1993. In effetti, lo statuto afferma di coprire le 'persone', una parola che i tribunali di solito interpretano per includere enti senza scopo di lucro e a scopo di lucro, nonché individui . Hobby Lobby e Conestoga sostengono anche che il mandato sulla contraccezione impone un 'fardello sostanziale' al loro libero esercizio della religione costringendoli a fornire un servizio ritenuto peccaminoso nella loro tradizione di fede. Infine, dicono le aziende, il mandato sulla contraccezione non può assolutamente promuovere un interesse politico 'irresistibile' perché il governo ha già esentato migliaia di gruppi religiosi e altri dal mandato.


Quali argomenti fa il governo?

Il governo ribatte che RFRA non protegge le società a scopo di lucro come Hobby Lobby e Conestoga perché non vi è alcuna indicazione che il Congresso intendesse che lo statuto coprisse le attività a scopo di lucro, né esiste alcuna tradizione di tribunali che estendono la protezione della libertà religiosa alle imprese o ai loro proprietari. Anche se l'RFRA si applica, sostiene il governo, il mandato sulla contraccezione non raggiunge il livello di 'sostanziale fardello religioso' perché le aziende sono significativamente rimosse dalla decisione di un dipendente di utilizzare la contraccezione. E, anche se il mandato costituisce un 'onere sostanziale' per alcuni datori di lavoro, il governo sostiene che promuove anche un interesse 'convincente' perché fa parte di una riforma globale del sistema sanitario nazionale.



Quale potrebbe essere l'ampio significato di questo caso?

Se il governo prevale perché il tribunale decide che l'RFRA non si applica alle imprese, la decisione porrebbe immediatamente fine a tutte le sfide basate sulla libertà religiosa al mandato di contraccezione da parte di entità a scopo di lucro, nonché altre sfide basate sull'RFRA da parte delle imprese. Allo stesso tempo, se il tribunale stabilisse che l'RFRA si applica alle imprese ma che il mandato non grava sostanzialmente sui loro diritti religiosi o che il governo ha un interesse impellente nell'applicazione della legge, probabilmente sarebbe di cattivo auspicio per le imminenti sfide legali al mandato di organizzazioni non profit religiose. Tuttavia, se il tribunale si pronuncia a favore di Hobby Lobby e Conestoga, la decisione probabilmente aprirebbe la porta alle aziende per invocare RFRA in una vasta gamma di sfide alle leggi federali. Ad esempio, una decisione a favore di Hobby Lobby e Conestoga potrebbe fornire ai datori di lavoro a scopo di lucro una solida base giuridica per sollevare obiezioni religiose all'assunzione di gay e lesbiche o per fornire ai coniugi dello stesso sesso dei dipendenti gli stessi benefici estesi al sesso opposto coniugi. Una tale decisione inoltre significherebbe quasi certamente che le organizzazioni non profit sarebbero completamente esentate dal mandato.