• Principale
  • Notizia
  • 5 fatti sul caso di preghiera pubblica della Corte Suprema degli Stati Uniti

5 fatti sul caso di preghiera pubblica della Corte Suprema degli Stati Uniti

Oggi, per la prima volta in 30 anni, la Corte Suprema degli Stati Uniti prenderà in considerazione una sfida costituzionale alla pratica della preghiera legislativa. Nello specifico, nel caso,Città della Grecia contro Galloway, la corte valuterà se la pratica di un consiglio comunale locale di iniziare le sue riunioni mensili con una preghiera viola la costituzione.


Nel 2008, due residenti in Grecia, NY, hanno citato in giudizio la città, lamentando che l'inizio delle riunioni del consiglio comunale con una preghiera violava il divieto del Primo Emendamento di stabilire la religione (la clausola istitutiva) perché promuoveva il cristianesimo e, per definizione, escludeva i partecipanti gli incontri che non erano cristiani. Nel 2012, la seconda Corte d'Appello del Circuito degli Stati Uniti ha concordato con questo argomento, stabilendo che la pratica viola la clausola istitutiva.

Ecco cinque fatti sul caso.

11.La Corte Suprema ha già sostenuto la pratica della preghiera legislativa.Trent'anni fa, l'Alta corte ha stabilitoMarsh contro Chambersche la pratica del legislatore del Nebraska di iniziare le sue sessioni con una preghiera non violava la costituzione. In particolare, l'Alta Corte ha sottolineato che, poiché la preghiera legislativa ha una storia lunga e continua negli Stati Uniti, non dovrebbe essere vista come una minaccia alla clausola istitutiva a meno che non promuova o denigrasse una particolare tradizione di fede o gruppo religioso.

22.La situazione nel caso attuale potrebbe essere diversa daPaludeperché implica la possibilità di coercizione.Il 1983PaludeIl caso riguardava la preghiera pronunciata nella legislatura del Nebraska, dove membri del pubblico e legislatori erano liberi di andare e venire durante l'invocazione. Il caso di oggi prevede la preghiera nella sede di un governo locale, che è investito dell'autorità esecutiva, legislativa e amministrativa della città. Chiunque abbia affari con la città deve venire alla riunione mensile del consiglio e, quindi, sarebbe presente per la preghiera.


33.L'amministrazione Obama ha esortato la corte a sostenere la preghiera nelle riunioni cittadine.A seguito del mandato contraccettivo dell'Affordable Care Act e di altre questioni, i conservatori sociali e altri hanno accusato la Casa Bianca di essere ostile alla religione. Ma, all'inizio di quest'anno, l'amministrazione ha presentato un amicus o un breve 'amico del tribunale', sostenendo che il tribunale dovrebbe riaffermare ilPaludesentenza e che la pratica del consiglio comunale greco di aprire con una preghiera rientra bene nei contorni dellaPaludedecisione e quindi è costituzionale.



4Quattro.La preghiera legislativa esiste da prima della fondazione della repubblica americana.Il primo Congresso Continentale nel 1774 nominò un cappellano per guidarlo in preghiera. Il primo Congresso degli Stati Uniti, che ha redatto le clausole sulla religione del Primo Emendamento, ha assunto cappellani per pregare prima dell'apertura di ogni sessione del Senato e della Camera dei rappresentanti, una pratica che rimane in vigore oggi. Oggi, secondo la Conferenza nazionale dei legislatori statali, 48 stati pregano regolarmente in almeno una camera legislativa.


55.La decisione finale della Corte Suprema inGallowayè probabile che dipenda da come interpreta la sua precedente sentenzaPalude.La corte potrebbe interpretarePaludein senso molto ampio, rendendo praticamente costituzionali tutte le preghiere legislative tranne in casi estremi, come una preghiera che denigra specificamente un altro gruppo religioso. Oppure la corte potrebbe leggerePaludemolto più strettamente, non solo abbattendo la politica di preghiera della Grecia N.Y., ma imponendo che la preghiera legislativa in generale sia consentita solo se non è settaria e se si svolge in momenti in cui la partecipazione non è obbligatoria.

Leggi un'analisi più dettagliata del caso della Corte Suprema qui.