5 fatti sulla disuguaglianza economica nel 2014

Nota: per dati più recenti su questo argomento, vedere questo post.


Questioni di disuguaglianza sembrano destinate a svolgere un ruolo importante nel dibattito pubblico quest'anno. Il presidente Obama dovrebbe usare il suo discorso sullo stato dell'Unione del 28 gennaio per promuovere proposte specifiche volte alla disuguaglianza, come l'aumento del salario minimo federale. Secondo quanto riferito, i democratici del Congresso vedono la disuguaglianza come un problema che potrebbe aiutarli nelle elezioni di medio termine di quest'anno. E alcuni repubblicani, come il senatore Marco Rubio della Florida, hanno iniziato a parlare di creare 'una nuova società di opportunità in America' ​​come approccio conservatore per affrontare la povertà persistente.

Mentre il dibattito si prepara, è importante comprendere alcuni fatti di base su come viene misurata la disuguaglianza, le tendenze nel tempo e come gli Stati Uniti si confrontano a livello globale. Ecco un primer '5 fatti':

1 Secondo una misura, la disuguaglianza di reddito negli Stati Uniti è la più alta dal 1928.Nel 1982, l'1% delle famiglie con i guadagni più alti riceveva il 10,8% di tutto il reddito ante imposte, mentre il 90% più povero riceveva il 64,7%, secondo una ricerca del professore Emmanuel Saez della UC-Berkeley. Tre decenni dopo, secondo le stime preliminari di Saez per il 2012, l'1% più ricco ha ricevuto il 22,5% del reddito ante imposte, mentre la quota del 90% più povero è scesa al 49,6%.

2 Gli Stati Uniti sono più disuguali rispetto alla maggior parte dei loro coetanei del mondo sviluppato.Secondo i dati dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, gli Stati Uniti si sono classificati al 10 ° posto su 31 paesi OCSE per disuguaglianza di reddito basata sui 'redditi di mercato', cioè prima di prendere in considerazione gli effetti redistributivi delle politiche fiscali e dei programmi di trasferimento del reddito come come previdenza sociale e assicurazione contro la disoccupazione. Dopo aver tenuto conto di tasse e trasferimenti, gli Stati Uniti avevano il secondo più alto livello di disuguaglianza, dopo il Cile.


3 Il divario di reddito bianco-nero negli Stati Uniti è persistito.La differenza nel reddito familiare medio tra bianchi e neri è cresciuta da circa $ 19.000 nel 1967 a circa $ 27.000 nel 2011 (misurati in dollari 2012). Il reddito mediano delle famiglie nere era il 59% del reddito mediano delle famiglie bianche nel 2011, in lieve aumento dal 55% nel 1967; solo nel 2007, il reddito nero era il 63% del reddito bianco.




4AI americani sono relativamente indifferenti all'ampio divario di reddito tra ricchi e poveri. Gli americani nel quinto superiore della distribuzione del reddito guadagnano 16,7 volte di più di quelli nel quinto più basso - di gran lunga il divario più ampio tra i 10 paesi avanzati nel sondaggio sugli atteggiamenti globali del 2013 del Pew Research Center. Eppure appena la metà (47%) degli americani pensa che il divario tra ricchi e poveri sia un grosso problema. Tra i paesi avanzati, solo gli australiani hanno espresso un livello di preoccupazione inferiore, ma in Australia il quinto più alto guadagnava appena 2,7 volte il reddito del quinto più povero.

5WLa disuguaglianza sanitaria è persino maggiore della disuguaglianza di reddito.L'economista della New York University Edward Wolff ha scoperto che, mentre il quinto con i guadagni più alti delle famiglie statunitensi guadagnava il 59,1% di tutto il reddito, ilpiù riccoil quinto deteneva l'88,9% di tutta la ricchezza.


FT_13.12.13_econDistribution-310